3 CONDIVISIONI

Coldplay contestati in Indonesia per il supporto alla comunità LGBTQIA+: scontri con la polizia

Chris Martin e i Coldplay sono stati contestati in Indonesia durante la tappa nella capitale Jakarta del Music of the Spheres tour: scontri con la polizia e fischi all’esterno dello stadio.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Vincenzo Nasto
3 CONDIVISIONI
Coldplay, foto di Getty Images
Coldplay, foto di Getty Images

Nelle scorse ore, a circa un chilometro dal Gelora Bung Karno Stadium di Jakarta, dove si sono esibiti i Coldplay nel loro Music of the Spheres tour, più di 200 conservatori musulmani hanno marciato, protestando nei confronti della band. Come riportato dall'Associated Press, al centro del contrasto tra una parte dei cittadini e la band, il sostegno di Chris Martin alla comunità LGBTQIA+. Oltre 1 chilometro e mezzo di processione, in cui i protestanti hanno intonato cori nei confronti degli organizzatori dell'evento e della band, per poi mostrare uno striscione: "Rifiutare, annullare e sciogliere i concerti dei Coldplay". I Coldplay sono stati descritti come una band che pone al centro del proprio messaggio una propaganda LGBTQIA+, danneggiando "la fede e la morale" della società. All'esterno del Gelora Bung Karno Stadium ci sono stati anche scontri con la polizia e fischi agli spettatori che stavano per entrare nell'arena, per assistere al concerto.

L'episodio accaduto ai The 1975 dopo il bacio in Malesia

L'episodio non è stato l'unico in città, qualcosa di simile avvenne già lo scorso 10 novembre davanti all'ambasciata britannica a Jakarta. Ma ampliando il raggio d'osservazione, solo pochi mesi fa, la band britannica The 1975 è stata costretta a cancellare i suoi spettacoli a Jacarta e Taipei, dopo che il governo malese aveva interrotto il festival. Allora, il frontman della band si era scagliato sul palco nei confronti delle leggi omofobe della nazione, lanciando un'ultima provocazione: un bacio sul palco tra Matt Healy e il bassista della band Ross MacDonald. Il concerto dei Coldplay, che aveva fatto registrare all'apertura della vendita dei biglietti a maggio, oltre 70mila ticket venduti in poco meno di due ore, si è comunque tenuto al Gelora Bung Karno Stadium di Jakarta senza alcun incidente all'interno.

Gli scontri con la polizia e i fischi all'esterno dello stadio

Tra gli atteggiamenti dei Coldplay ritenuti lesivi del decoro, ma soprattutto della fede e della morale della società indonesiana, ci sono i valori ideologici incarnati dal frontmand della band, Chris Martin. L'autore britannico infatti, è uno dei rappresentanti della comunità LGBT, e come riportano i portali locali, tra cui The Borneo Post, i manifestanti hanno espresso la propria rabbia nei suoi confronti, con un'escalation che ha portato anche ad alcuni scontri con la polizia. Proprio poco prima del concerto, all'apertura delle porte, i 200 manifestanti con a capo Anwar Abbas, vice presidente dell’Indonesian Ulema Council, il più potente organismo di regolamentazione islamica dell’Indonesia, ha cominciato a fischiare il pubblico che stava entrando per assistere al concerto.

L'ultima data del Music of the Spheres tour nel 2023 in Malesia

L'ultima tappa del Music of the Spheres tour nel 2023 sarà proprio in Malesia, nello stadio nazionale di Kuala Lumpur. Sarà interessante capire la reazione anche delle autorità, come quella di Nasrudin Hassan, leader del Partito islamico malese (PAS). Lo scorso maggio, l'uomo si era scagliato contro Chris Martin, affermando sul suo profilo Facebook: "Il governo vuole coltivare una cultura di edonismo e perversione in questo paese? Vi consiglio di cancellare la performance di questo gruppo in Malesia. Non porta nulla di buono alla religione, al nostro Paese".

3 CONDIVISIONI
Good vibes festival, il discorso di Matt Healy in difesa della comunità LGBTQIA+
Good vibes festival, il discorso di Matt Healy in difesa della comunità LGBTQIA+
Donatella Versace: "Il nostro governo sta limitando la libertà di amare chi si vuole"
Donatella Versace: "Il nostro governo sta limitando la libertà di amare chi si vuole"
Anticipazioni Belve, Arisa: "Licenziata da icona gay, con Paola Iezzi non abbiamo fatto pace"
Anticipazioni Belve, Arisa: "Licenziata da icona gay, con Paola Iezzi non abbiamo fatto pace"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views