4 CONDIVISIONI

Chris Brown si difende dalle accuse di violenza contro una donna: “Innegabilmente false’

Chris Brown deve difendersi dalle accuse di una donna secondo cui il cantante le avrebbe sferrato un pugno a seguito di una foto. Il cantante, però, smentisce tutto e parla di false accuse.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
4 CONDIVISIONI
Foto Getty Images
Foto Getty Images

Chris Brown è uscito il 18 dicembre con il suo settimo album da studio intitolato ‘Royalty' e di quello si dovrebbe parlare, visto che era un album molto atteso, eppure pare difficile parlare solo di musica quando si tratta del rapper americano che anche nei giorni scorsi ha fatto molto discutere per le accuse di violenza che gli sono state rivolte da una donna (Liziane Gutierrez che ha dato il permesso di pubblicare il proprio nome), che al sito di gossip americano TMZ ha denunciato di essere stata colpita al volto dal cantante. In base alla sua dichiarazione, infatti, durante una festa privata data dal cantante nella sua stanza del Palms Hotel di Las Vegas Chris Brown le avrebbe prima urlato contro e poi colpita a seguito di una foto col cellulare che la ragazza era riuscita a fare aggirando anche la sicurezza. La donna, a quel punto, avrebbe abbandonato l'hotel e avrebbe chiamato la polizia senza però andare in ospedale e stando a quanto scritto dall'Associated Press la polizia avrebbe messo sotto inchiesta lo stesso cantante.

La difesa del cantante

La versione della donna, ovviamente, è contestata dal cantante il quale, attraverso un suo portavoce ha negato tutte le accuse descrivendole come ‘innegabilmente false'. È stato Rolling Stone a ospitare la replica: ‘Fare false accuse sembra essere un modello del comportamento della signora Gutierrez. Qualunque siano le sue ragioni, le sue dichiarazioni sono senza dubbio false'. Stando a quanto scrivono i portavoce del cantante, infatti, la Gutierrez è stata accompagnata fuori dall'edificio dalla security a causa del suo atteggiamento ‘molesto e fuori controllo' e mentre aspettava che la sicurezza le restituisse il telefono la donna avrebbe dato in escandescenza come, dicono, possono dimostrare sia gli invitati che le telecamere di sicurezza: ‘L'accusa che era in possesso del suo cellulare nell'after party e era riuscita a fotografare Chris Brown è completamente falsa'.

Il passato ‘difficile' di Chris Brown

Il problema, però, è il passato del rapper che solo nel giugno di quest'anno ha terminato la libertà vigilata a cui fu condannato oltre sei anni fa a seguito di un'aggressione a Rihanna durante una serata pre Grammy. Nel frattempo, però, il cantante si è reso protagonista più volte di comportamenti violenti che hanno minato la sua libertà vigilata costringendolo anche a passare alcuni mesi in carcere nel 2014. A Brown, inoltre, è stato anche diagnosticato un disordine bipolare, un disordine dovuto a stress e complicazioni per abuso di sostanze.

4 CONDIVISIONI
Rihanna su Vanity Fair: "Chris Brown? Sono il suo fallimento"
Rihanna su Vanity Fair: "Chris Brown? Sono il suo fallimento"
Chris Brown sull'aggressione a Rihanna: 'Ho pensato al suicidio, mi sentivo un mostro'
Chris Brown sull'aggressione a Rihanna: 'Ho pensato al suicidio, mi sentivo un mostro'
Chris Brown e il tatuaggio choc, la Venere di Milo dietro la testa (FOTO)
Chris Brown e il tatuaggio choc, la Venere di Milo dietro la testa (FOTO)
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni