Dopo il successo del brano "Get you the moon", Kina è diventato una delle figure di riferimento nelle produzioni lo-fi rap nel mondo. Partito da Acerra, ha firmato nel 2018 un contratto con l'etichetta americana Columbia Records, con cui ha rilasciato lo scorso agosto l'Ep "Things I wanted to tell you". Milioni di stream su Spotify e visualizzazioni su Youtube lo rendono uno dei produttori più giovani di caratura internazionale del panorama italiano.

La nascita di Get you the moon

La passione di Kina per la musica nasce a 8 anni quando, dopo aver ascoltato alcune tracce house, incomincia a sognare di voler produrre musica dalla sua cameretta. Un desiderio che si unisce più alla sua passione per la programmazione informatica che per un interesse nello studio di uno strumento musicale. Dopo alcuni anni di passaggio nello studio della programmazione di pc, incomincia a osservare attraverso Youtube come utilizzare i programmi di montaggio musicale. Dalla musica house alle produzioni hip hop, viene influenzato dalle sonorità visionarie di artisti come A$AP Rocky e Travis Scott. Kina in quel momento incomincia a produrre musica, cercando di trovare delle note che potessero accompagnare il suo stato d'animo in un loop. Tutto questo viene caricato poi su Soundcloud, piattaforma di streaming musicale. L'insuccesso dei primi brani, che stentano a decollare sia nei numeri, sia nelle condivisioni, lo convincono a lasciar perdere quel tipo di suoni e spostarsi verso melodie più chill. Dopo vari tentativi, ripresi anche da playlist Spotify e canali Youtube, arriva il brano che cambia la sua storia musicale: il singolo "Get you the moon". Il singolo prodotto da Kina, viene cantato da un ragazzo americano che il giovane artista riesce a trovare su Instagram: Snow. Dopo un rapido aumento dei numeri su Youtube, Kina decide di postare la canzone da solo su Spotify. Un brano virale che viene inserito dalla piattaforma in alcune delle playlist più ascoltate. Il brano raggiunge nei primi giorni 20 milioni di stream, e in questo momento arrivano le prime telefonate da parte delle etichette discografiche.

L'uscita dell'Ep

La prima mail arriva dalla Columbia, nei giorni successivi anche Atlantic e Island Records. Dopo aver firmato per la prima etichetta, il giovane artista vola negli Stati Uniti per incominciare a pensare ad un progetto musicale, mentre nel frattempo pubblica "Can we kiss forever", altro singolo che gli vale la copertina delle playlist di Spotify, con più di 250 milioni di stream dopo solo due mesi. Kina nel frattempo vede salire i numeri anche grazie all'apporto di TikTok, uno strumento diventato ormai fondamentale per l'industria musicale statunitense. Le challenge con la sua musica in sottofondo hanno ormai superato i 10 milioni, un dato indicativo del successo. Nel frattempo lo scorso agosto viene rilasciato il suo primo Ep "Things I wanted to tell you", un progetto in grado di aumentare anche l'ascolto dei singoli, con "Get you to the moon" arrivato ormai a 178 milioni di visualizzazioni su Youtube e 450 milioni di streams su Spotify. Un risultato che gli è valso il disco di platino in Australia, Messico e negli Stati Uniti.

A post shared by Kina (@kinabeats) on