C'è un nome che in queste ultime settimane sta uscendo prepotentemente nel mondo musicale. Ghali è un rapper milanese di origini tunisine, che nonostante la giovane età ha un passato discografico già complesso alle spalle, ma adesso, dopo un periodo non semplicissimo, si ritrova sulla bocca di tutti grazie a "Ninna Nanna", canzone che pochi giorni fa "ha raggiunto 1 milione di streaming in meno di 5 giorni dal lancio sulla piattaforma", come annunciato da Spotify, che spiega come "nessun altro singolo brano è mai stato così rapido a raggiungere la soglia di 1 milione di ascolti in Italia. Inoltre, ieri il brano ha conquistato la prima posizione nella Global Viral Charts".

Una carriera tra alti e bassi.

Esponente di spicco della Trap italiana assieme a Sfera Ebbasta, con cui condivide i beat dell'astro nascente 21enne Charlie Charles, Ghali è stato membro dei Troupe D'Elite, che alle spalle aveva anche un contratto con una major. Un'esperienza negativa che ha raccontato in un'intervista al Corriere della Sera, in cui spiegava come dopo aver firmato per Tanta Roba e Sony, fossero arrivati quasi subito i primi problemi con il manager, dovuti al fatto che il rapper si sentiva poco spinto: "Altri artisti facevano numeri ed io no, perché non ero ancora uscito con un album ed ero quello meno conosciuto (…) ero l’ultima ruota del carro. Ho vissuto male questa cosa della discografia". Per mesi ha cercato di sciogliere il contratto, senza ricevere risposta, finché: "Siamo andati personalmente in studio a parlarci, arrivammo quasi alle mani perché non voleva firmare il foglio che poi avrebbe rescisso il contratto. Ottenemmo quella firma con la forza. Iniziai a spaccare tutta l’attrezzatura che era in studio quel giorno e gli impedii di uscire, eravamo esausti e delusi. Poi lui firmò la rescissione e l’album uscì indipendente in free download il 26 maggio 2014".

Primo nei singoli Fimi.

Oggi Ghali è anche primo nella classifica Fimi e pian piano torna ad avere una serie di attenzioni da parte del grande pubblico, al punto che poche settimane fa si è esibito anche a Quelli che il calcio con il singolo "Wily Wily", pur continuando a non dare notizie su un eventuale album in cui raccogliere questi singoli, anzi, in realtà per adesso non ha "né etichetta, né ufficio stampa, solo "la forza della musica", spiega.

Milioni di visualizzazioni su Youtube.

Eppure i numeri già parlavano da sé, soprattutto quelli su Youtube, con singoli da milioni di visualizzazioni, alla faccia di chi festeggia il milione come se fosse risultato eccezionale e così, mescolando italiano, francese e arabo continua a conteggiare le views su Youtube e Spotify (12 mln per "Dende", 9.5 per "Wily Wily", 8 per "Cazzo Mene", 6 per Marijuana, tra gli altri)

Negli ultimi mesi ogni persona che ho incontrato per strada e anche qualche mio amico caro mi ha chiesto "Ghali ma quando esce il nuovo singolo?" anche nei commenti sotto i post la domanda era sempre la stessa. Io non ci ho messo tanto, ci ho messo il tempo che mi serviva, ho scritto e registrato altre canzoni in questo lasso di tempo ma "Ninna nanna" come ho già detto è il miglior singolo che io abbia scritto fin ora. Ci sto lavorando, ci stiamo lavorando, manca davvero poco a domani, ninna nanna a tutti.