Renato Carosone (LaPresse)
in foto: Renato Carosone (LaPresse)

Il 3 gennaio 2020 si festeggiano i 100 anni dalla nascita di Renato Carosone, uno dei maggiori innovatori della canzone italiana e partenopea. Il musicista napoletano, diplomatosi in pianoforte a diciassette anni al Conservatorio di San Pietro a Majella è uno dei nostri artisti più conosciuti al mondo. Non è un caso che nella notte di Capodanno, un artista come Stefano Bollani abbia voluto rendergli omaggio durante il concerto in Piazza del Plebiscito. Canzoni come "Tu vuò fa' l'americano", Maruzzella", "‘O sarracino" e "Torero", solo per citarne alcune, sono dei grandi classici suonati un po' ovunque.

Renato Carosone l'innovatore

Diventati ormai classici della tradizione italiana, queste canzoni rispecchiano perfettamente l'innovazione di Carosone, la sua capacità, come spiega il critico Gianni Borgna "di innestare i codici musicali americani nella tradizione canora partenopea" oltre a quella di "trasformare le canzoni in piccoli spettacoli" a cui contribuivano anche i sodali Gegè Di Giacomo e Peter Van Wood – che in molti ricordano per la sua partecipazione a Quelli che il Calcio – con cui formò il primo terzetto.

Chi è Renato Carosone, l'americano a Napoli

Insieme a Domenico Modugno, Renato Carosone fu tra i primi a ottenere un successo reale anche negli Stati Uniti, grazie proprio alla sua capacità di rileggere e mescolare tradizioni così diverse, creando un linguaggio unico e comprensibile sia nel suo paese che oltreoceano. La sua carriera, però, cominciò in Africa, a Massaua e ad Addis Abeba, da cui rientrò finita la guerra. Da terzetto inizialmente, la formazione diventa un sestetto. Un successo clamoroso quello del musicista napoletano che altrettanto clamorosamente, dopo aver riscosso quanto seminato con un concerto alla Carnegie Hall di New York, decise di ritirarsi, annunciandolo il 7 settembre del 1960 durante la trasmissione "Serata di gala", presentata da Emma Danieli: "Ritengo che il mio genere sia ormai superato" disse. Ma il palco lo chiamava e così rientrò quindici anni dopo, suonando alla Bussola, locale fondato da Sergio Bernardini.

Di cosa parla Tu vuo’ fa’ l'americano

"Tu vuò fa' l'americano" resta uno dei suoi maggiori successi ed è diventato uno standard suonato in tutto il mondo. Carosne scrisse la parte musicale mescolando swing e jazz, partendo dal testo della canzone scritto da Nicola Salerno (in arte Nisa), padre del paroliere e produttore Alberto Salerno, autore per Ramazzotti, Mango, Zucchero e marito di Mara Maionchi. Il brano parla della voglia italiana di tentare di replicare lo stile di vita americano, come si capisce fin dalle battute iniziali e non solo: "Puorte ‘e cazune cu nu stemma arreto, ‘na cuppulella cu ‘a visiera aizata (…) Tu abball' o' rocchenroll, tu giochi a baisiboll" canta Carosone, prima di prendere in giro questo suo protagonista: "Tu vuo' fa' ll'americano Mericano, mericano Sient'a mme chi t' ‘o ffa fa'? Tu vuoi vivere alla moda, Ma se bevi "whisky and soda" Po' te siente ‘e disturba'". Nella sua autobiografia "Un americano a napoli" lo stesso cantante spiegava che le sue canzoni "erano profondamente basate sul sogno americano, interpretando il jazz e i suoi derivati come il simbolo di un'America ricca e prosperosa, ma mantenendo sempre lo stile della canzone napoletana, utilizzandola anche come parodia dei suoi usi".

Il testo di Tu vuo’ fa’ l'americano

Puorte ‘e cazune cu nu stemma arreto
Na cuppulella cu ‘a visiera aizata
Passa scampanianno pe' Tuleto
Comm'a nuguappo, pe' se fa' guarda'
Tu vuo' fa' ll'americano
Mericano, mericano
Sient'a mme chi t' ‘o ffa fa'?
Tu vuoi vivere alla moda,
Ma se bevi "whisky and soda"
Po' te siente ‘e disturba'
Tu abball' o' rocchenroll
Tu giochi a baisiboll
Ma e solde p' è Ccamel
Chi te li da
La borsetta di mamma'
Tu vuo' fa' ll'americano
Mericano, mericano
Ma si' nato in Italy
Sient' a mme, nun ce sta niente ‘a fa'
Ok, napulitan
Tu vuo' fa' ll'american
Tu vuo' fa' ll'american
Come te po' capi' chi te vo' bbene
Si tu lle parle miezo americano?
Quanno se fa ll'ammore sott' ‘a luna
Comme te vene ‘ncapa ‘e di' "I love you"?
Tu vuo' fa' ll'americano
Mericano, mericano
Sient'a mme…