22 Giugno 2021
07:32

Billie Eilish si scusa per vecchie frasi razziste: “Sono sconvolta, non volevo offendere nessuno”

Billie Eilish si è scusata per un video di qualche anno fa, caricato su TikTok in cui sembrava che prendesse in giro l’accento asiatico, cantando anche una canzone di Tyler, The Creator, “Fish”  che conteneva una parola razzista nei confronti degli asiatici: “Sono sconvolta” dice, scusandosi, ma spiegando che c’è stato un malinteso.
A cura di Redazione Music

Billie Eilish si è scusata per un video di qualche anno fa, caricato su TikTok in cui sembrava che prendesse in giro l'accento asiatico, cantando anche una canzone di Tyler, The Creator, "Fish"  che conteneva una parola razzista nei confronti degli asiatici (i versi incriminati sono "Slip it in her drink and in the blink, Of an eye, I can make a white girl look c***k"). La cantante ha postato un messaggio di scuse sui suoi social per scusarsi, ma anche per spiegare che il video risale a quando aveva 13-14 anni e che la voce per cui l'accusano altro non è che una "stupida voce inventata": "Molti di voi mi hanno chiesto di affrontare questa cosa ed è una cosa che voglio fare perché mi stanno etichettata come qualcosa che non sono" ha scritto la cantante.

La giustificazione di Eilish

Il video contiene, quindi sia delle scuse, ma anche una spiegazione del contesto di quel video: "C'è un video che sta girando, risalente a quando avevo 13 o 14 anni, in cui ho pronunciato una parola da una canzone che all'epoca non sapevo fosse un termine dispregiativo usato contro i membri della comunità asiatica. Sono sconvolta e imbarazzata e vorrei vomitare per aver pronunciato quella parola. Questa canzone è stata l'unica volta in cui abbia mai sentito quella parola visto che nessuna delle persone che avevo intorno né della mia famiglia l'aveva mai usata. Indipendentemente dalla mia ignoranza ed età all'epoca, nulla giustifica il fatto che sia stato doloroso. E per questo mi dispiace".

Una lingua inventata, nessuna presa in giro

Poi la cantante ha parlato di questo video che è il risultato di un montaggio in cui la si sente parlare con una voce strana che alcuni hanno pensato fosse una presa in giro agli asiatici. A questo punto, però, Eilish dà, invece, la sua versione: "L'altro video, in quella clip modificata, sono io che parlo con una voce stupida e incomprensibile… una cosa che ho iniziato a fare fin da bambina e che ho continuato a fare per tutta la vita parlando con i miei animali domestici, gli amici e la famiglia. È assolutamente incomprensibile e solo io che sto scherzando, e NON è in alcun modo un'imitazione di nessuno o di qualsiasi lingua, accento o cultura. Chiunque mi conosca mi ha visto scherzare con le voci per tutta la vita.

Le scuse a chi si è sentito offeso

La chiusura della nota è comunque di scuse nei confronti di chiunque si sia sentito offeso da qual video: "Indipendentemente da come è stato interpretato, non volevo che nessuna delle mie azioni avesse causato del male ad altri e mi spezza assolutamente il cuore che ora venga etichettato in un modo che potrebbe causare dolore alle persone che lo ascoltano. Non solo ci credo, ma ho sempre lavorato duramente per usare la mia piattaforma per lottare per l'inclusione, la gentilezza, la tolleranza, l'equità e l'uguaglianza. Abbiamo tutti bisogno di continuare a conversare, ascoltare e imparare. Vi ascolto e vi voglio bene. Grazie per aver dedicato del tempo a leggere questo".

Michelle Hunziker si scusa per Striscia la notizia: "Non volevo offendere i cinesi"
Michelle Hunziker si scusa per Striscia la notizia: "Non volevo offendere i cinesi"
63.635 di Viral Show
Il significato e la traduzione di Lost Cause, in cui Billie Eilish lancia frecciatine al suo ex
Il significato e la traduzione di Lost Cause, in cui Billie Eilish lancia frecciatine al suo ex
Il significato e la traduzione di Nda, Billie Eilish spaventata dalla solitudine della fama
Il significato e la traduzione di Nda, Billie Eilish spaventata dalla solitudine della fama
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni