Prende forma il nuovo progetto musicale di Fedez, che dopo il feat dello scorso aprile ne "Le feste di Pablo", canzone della giovane cantautrice Cara, e i singoli "Problema con Giuda", "Bimbi per strada" e "Roses (Imanbek Remix)", ha annunciato il nuovo brano in uscita il prossimo 25 settembre: "Bella Storia". Una rinascita musicale che l'artista ha condotto durante il periodo di quarantena, in un momento in cui non sentiva più la necessità di produrre musica.

Il nuovo brano Bella Storia

𝐵𝑒𝓁𝓁𝒶 𝓈𝓉𝑜𝓇𝒾𝒶 Fuori il 25 Settembre ☮️

A post shared by FEDEZ (@fedez) on

Dopo il singolo pop "Le feste di Pablo", le sonorità rap nel brano "Problemi con Giuda" e "Bimbi per strada" composto attraverso il sample di "Children" di Robert Miles, Fedez ha annunciato negli scorsi giorni "Bella Storia", con una foto postata su Instagram che lo ritrae con un nuovo taglio di capelli variopinto. Secondo indiscrezioni, il brano potrebbe avere delle melodie rock e reggae, una scelta nata dalla voglia di Fedez di cimentarsi in nuovi generi musicali, come annunciato all'inizio del progetto: "In questi giorni ho ricreato il set up amatoriale di quando ho registrato il mio primo disco da indipendente e ho ritrovato la bozza di quel pezzo, e allora ho capito che cosa rappresenta per me la musica. Rompere le catene con un tagliaunghie e spero anche per voi un momento così triste e tragico possa aiutarvi ad aprire gli occhi e capire cosa è realmente importante. Pronti ad abbracciarlo appena questo momento finirà. Vorrei creare occasioni di spensieratezza con la musica, così ho pensato: ‘Federico hai parlato troppo. Cantaci qualcosa'".

Ritorno alle origini

Un progetto che Fedez ha annunciato lo scorso 9 aprile in un video su Instagram, in cui raccontava come affrontare la quarantena gli abbia fatto ritornare la voglia di fare musica. Un ritorno alle origini, nato da tanto tempo per riflette: "La quarantena ci costringe a pensare e io non voglio buttare via quest'occasione. Prima che tutto questo iniziasse, mi sono preso una lunga pausa dalla musica per dedicarmi alla mia famiglia, lavorare su me stesso e cercare di scartavetrare i miei spigoli. Così ho iniziato un percorso nuovo, che è l'unica cosa che ho tenuto fuori dai social in questi mesi, proprio perché non era solo musica, ma qualcosa di più fragile. Ritrovare me stesso attraverso nuove canzoni". Un recupero avvenuto anche grazie al ritorno alla semplicità delle produzioni dei primi dischi. Una rivoluzione concentrata in uno studio alla periferia di Crema, luogo in cui è anche avvenuto l'incontro con Cara. Fedez contro se stesso, contro il nuovo sé: "Mi ero stupidamente convinto che il valore della musica era proporzionale al valore dello studio in cui veniva registrato, ma avete notato quanto sono essenziali gli interni di una navicella che gira intorno allo spazio? Così sono andato a lavorare in un piccolo studio casalingo alla periferia di Crema, sono tornato a fare musica come quando avevo 18 anni. Senza pensare molto alle conseguenze strategiche. In studio ho incrociato una nuova artista emergente che stava registrando una sua canzone e le ho chiesto se potevo registrarci su una strofa".