"La vendetta porno è un tema urgente da affrontare" spiega Baby K all'Ansa parlando del film "Revenge Room", cortometraggio diretto da Diego Botta e presentato al Festival di Venezia. La cantante, infatti, ha cantato la canzone che fa da filo conduttore del film, ovvero "Sogni d'oro e di platino" contenuta nel suo album "Icona". La cantante, insomma, torna protagonista anche mentre assistiamo alla coda lunga della gara dei tormentoni di cui anche quest'anno è stata protagonista. Claudia Judith Nahum – vero nome della cantante – da qualche anno è una delle protagonista delle estati italiane, prima grazie alla popolarità di "Roma-Bangkok" e quest'anno con il successo di "Non mi basta più" in cui c'è anche una piccola collaborazione di Chiara Ferragni.

Baby K e l'importanza di sensibilizzare sul revenge porn

Da Venezia, quindi, Baby K coglie l'occasione del Festival del Cinema per mandare un messaggio contro il revenge porn, tema al centro della pellicola: "Solo durante il lockdown si è registrato un vertiginoso aumento di casi, le vittime aumentate del 70% e trovo quanto mai attuale parlarne" ha spiegato la cantante che parla di un bisogno di sensibilizzare ancora di più sul tema: "Non sempre i giovani sanno cosa può significare e quanto sia facile anche solo con un click essere oggetto di vendetta pornografica. Io penso che sia necessario fare un grande lavoro di educazione nelle scuole e anche a casa, per quanto magari è difficile parlare di sesso in famiglia, ma l'unica cosa per contrastare questo fenomeno che può portare a dolori immensi e anche a conseguenze estreme, è l'educazione" chiude Baby K.

Di cosa parla Revenge Room

Il cortometraggio – disponibile anche su RaiPlay – è diretto da Diego Botta e ha nel cast Alessio Boni, Violante Placido, Eleonora Gaggero, Luca Chikovani e Manuela Morabito. Il film racconta la storia di Federica, una ragazza che si è chiusa in stanza e non vuole uscire a causa dei tanti messaggi "provocatori e volgari" che le arrivano sul cellulare da sconosciuti: "Il suo fidanzato, Davide, si risveglia in una stanza con un estraneo, Saul, e non capisce cosa sta succedendo. Federica e Davide erano innamorati. In 15 minuti devono affrontare il loro peggiore incubo" si legge nella sinossi ufficiale del cortometraggio.