Avril Lavigne (via Instagram)
in foto: Avril Lavigne (via Instagram)

Sono sempre più gli indizi che portano a un'uscita non a lungo termine del nuovo album di Avril Lavigne che nei mesi scorsi aveva dato delle notizie su quello che sarebbe stato il suo ritorno a cinque anni dall'ultimo album omonimo "Avril Lavigne" e un periodo in cui ha dovuto combattere contro la Sindrome di Lyme, presa a seguito del morso di una zecca e i cui sintomi ha cominciato ad accusare durante il compleanno dei suoi 30 anni; una malattia debilitante che l'ha praticamente tenuta lontana dalle scene per un bel po' di anni: "Riuscivo a malapena mangiare e quando siamo andati in piscina, ho dovuto lasciare perdere e mettermi a letto. I miei amici mi hanno chiesto: ‘Che cosa c'è che non va?' Non lo sapevo nemmeno io"

Un album che la cantante canadese di "Complicated" e "Sk8er Boy" aveva definito "Personale, adorabile, intimo, drammatico, crudo, potente, forte e inaspettato", un lavoro che era, per la precisione "un viaggio veramente emotivo". In un post di un paio di giorni fa la cantante si è fatta riprendere mentre sceglieva un abito, quello che probabilmente vedremo sulla copertina del disco, stando a quanto scritto: "Farò le fotografie per la copertina del mio album questa settimana" ha scritto mentre era ritratta in posa davanti a una serie di abiti.

Ma gli aggiornamenti sulla lavorazione del suo nuovo album era proseguita anche qualche giorno prima, quando la cantante aveva svelato, il 25 giugno, che si era avvalsa della collaborazione della cantante e cantautrice Bonnie McKee (dietro anche a pezzi come "Roar" di Katy Perry, e "Hold It Against Me" di Britney Spears): "Ho amato moltissimo lavorare con la super talentuosa, simpoatica, indipendente bionda Bonnie McKee  a quest'album" e soprattutto aveva chiuso il messaggio con un più che esplicito: "Tocchi finali".

A post shared by Avril Lavigne (@avrillavigne) on

A post shared by Avril Lavigne (@avrillavigne) on