41 CONDIVISIONI

Avicii torna con la sua musica, l’album postumo “TIM” esce a un anno dalla morte del dj svedese

Era il 26 aprile quando Avicii, all’anagrafe Tim Bergling, si tolse la vita. Da allora la famiglia ha continuato ad onorarlo e in queste ore ha annunciato l’usicta dell’album postumo con i suoi lavori inediti a giugno, anticipato dal singolo “SOS” in uscita il 10 aprile: “I ricavi provenienti dalla vendita dell’album andranno alla fondazione”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Andrea Parrella
41 CONDIVISIONI
Immagine

È trascorso quasi un anno dalla morte di Avicii, il dj svedese scomparso il 20 aprile del 2018, a soli 28 anni.  Tim Bergling, questo il suo nome all'anagrafe, si è tolto la vita, come hanno poi confermato gli esami successivi, ma la sua musica continua a viaggiare e la famiglia ha annunciato che proprio in occasione dell'anniversario della sua morte uscirà il nuovo album di inediti che l'artista aveva realizzato prima di morire. Questo il comunicato con cui viene annunciata l'uscita di "TIM":

Alla data della sua morte, il 20 aprile 2018, il nuovo album di Tim era quasi concluso. C’erano canzoni quasi finite, con note, email e messaggi sulla sua musica.

Gli autori che stavano collaborando con Tim hanno continuato il lavoro iniziato nella maniera più aderente possibile alla visione del nuovo album.

Alla morte di Tim, la famiglia ha deciso di condividere la sua musica con i fan di tutto il mondo.

Il singolo “SOS” uscirà il 10 aprile, mentre l’album “TIM” il prossimo 6 giugno.

I ricavi provenienti dalla vendita dell’album andranno alla fondazione nonprofit Tim Bergling per la prevenzione dei disturbi mentali e del suicidio.

Ecco il comunicato, in attesa di un rapporto della polizia che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.

La morte di Avicii è per molti una ferita ancora aperta, per il talento creativo che gli viene riconosciuto e per le sue qualità umane. Era il 26 aprile 2018 quando, a Stoccolma, la famiglia dell'artista rese noto questo comunicato in cui sostanzialmente ammetteva, ancor prima che la cosa venisse ufficializzata del tutto dalle autorità, quello che era successo.

Il nostro amato Tim era un'anima artistica fragile, che andava alla ricerca di risposte a domande esistenziali. Un perfezionista troppo esperto che ha viaggiato e lavorato duramente, a ritmi che lo hanno portato a uno stress estremo. Quando ha finito il tour, voleva trovare un equilibrio nella vita per essere felice e poter fare ciò che amava di più: la musica. Ha davvero faticato nel pensare al Significato, alla Vita, alla Felicità. Non poteva più andare avanti. Voleva trovare la pace. Tim non era fatto per quella macchina da business in cui si è trovato a lavorare; era un ragazzo sensibile che amava i suoi fan ma evitava i riflettori. Tim, ti ameremo sempre e ci mancherai molto. La persona che eri e la tua musica manterranno vivo il tuo ricordo. Ti amiamo. La tua famiglia.

41 CONDIVISIONI
XXXTentacion primo con l'album postumo "Skins": non succedeva dalla morte di Prince
XXXTentacion primo con l'album postumo "Skins": non succedeva dalla morte di Prince
Il nuovo album di Fedez "Paranoia Airlines" esce il 25 gennaio: sarà un 2019 di musica e poca tv
Il nuovo album di Fedez "Paranoia Airlines" esce il 25 gennaio: sarà un 2019 di musica e poca tv
Achille Lauro, il nuovo album è 1969: "Vogliono etichettarci ma la nuova musica sarà diversa"
Achille Lauro, il nuovo album è 1969: "Vogliono etichettarci ma la nuova musica sarà diversa"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni