Dal musical Musicanti (ph Manuela Giusto)
in foto: Dal musical Musicanti (ph Manuela Giusto)

Non poteva che partire dal Palapartenpe di Napoli, il prossimo 7 dicembre, "Musicanti", il musical con le canzoni di Pino Daniele, prima produzione di questo genere che vede la direzione artistica di Fabio Massimo Colasanti, al fianco di Pino Daniele dal 1997. Dopo la data zero che si è tenuta il 2 dicembre scorso a Todi, infatti, lo spettacolo, che rende omaggio a uno degli artisti napoletani più importanti del Paese, la cui voce e le cui canzoni hanno segnato momenti fondamentali nella Storia musicale italiana. Tra le canzoni scelte per fare da colonna sonora del musical ci sono “Na Tazzulella ’e cafè”, “A me me piace ’o blues”, “I say I sto ’ccà”,” Napule è”, “Viento”, “Yes I know my way”, “Je so pazzo”, “Cammina cammina”, “Lazzari felici”, “Musica musica”, “Tutta n’ata storia”, “Quanno chiove”, oltre ad alcuni brani successivi come "Che soddisfazione" e "Anima".

Chi salirà sul palco di Musicanti

Sul palco saliranno gli attori Noemi Smorra, Alessandro D’Auria, Maria Letizia Gorga, Simona Capozzi, Pietro Pignatelli, Enzo Casertano, Francesco Viglietti, Leandro Amato, Ciro Capano al cui fianco ci sarà la resident band – che eseguirà dal vivo le canzoni, rispettando gli arrangiamenti originali – e che è composta., oltre che da Colasanti alla chitarra anche Roberto d’Aquino al basso, Fabrizio De Melis alla viola, Alfredo Golino alla batteria, Hossam Ramzy alle percussioni, Simone Salza al sax, Elisabetta Serio a pianoforte e tastiere che saranno affiancati, in alcune date, anche da Mel Collins al sax e Jimmy Earl al basso.

Le due Napoli dell'opera

Ci saranno due Napoli in questo spettacolo scritto da Alessandra Della Guardia e Urbano Lione che rivisitano questo pezzo importante del Neapolitan Power mescolando alto e basso, le anime contrastanti della città, l'antico e il moderno, la parlesia, la tammurriata, il blues e tutte le anime di Pino. la storia narra il ritorno in città di Antonio che deve occuparsi di un lascito testamentario del padre di cui non sa nulla. Quando decide di liberarsi dell'immobile scopre che è uno storico locale di musica, il Uè Man e così sarà costretto a restare in città a gestire la sirtuazione e ad aiutarlo ci penserà l'artista di strada Dummì, ovviamente si innamorerà (di Anna), affronterà la malavita e pian piano troverà il suo posto. La regia dello spettacolo è di Bruno Oliviero e le coreografie di Cristina Menconi.

Tutte le date dello spettacolo

Dopo il debutto nazionale a Napoli (dal 7 dicembre, Teatro Palapartenope), lo spettacolo arriverà a BARI, (29 e 30 dicembre, Teatro Team) mentre nel 2019 il tour attraverserà l’Italia  toccando Assisi (15 e 16 gennaio, Teatro Lyrick), Firenze (14 e 15 febbraio, Obihall), Torino (23 e 24 febbraio, Teatro Colosseo), Milano (dal 7 al 17 marzo, Teatro Arcimboldi) e Roma (dal 7 al 12 maggio, Teatro Olimpico).