31 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Arisa ha un “brano da paura” per il Festival di Sanremo, ma …

Alla vigilia della finale di X-Factor 5, il sogno di Arisa è calcare di nuovo il palco dell’Ariston a tre anni dal successo di “Sincerità”. Tuttavia la cantante/giudice è titubante …
A cura di Biagio Chiariello
31 CONDIVISIONI
Arisa ha un brano da paura per il Festival di Sanremo

X Factor volge ormai al termine  e per Arisa è tempo di pensare al futuro. A partire dal romanzo autobiografico, che esce a gennaio col titolo Il paradiso non è un granché per Mondadori, passando per quelli che sono i desideri più immediati di Rosalba Pippa (questo il vero nome della cantante/giudice).
Il sogno si chiama Festival di Sanremo e lei vorrebbe tornarci a tre anni da quella partecipazione che le diede la notorietà con la canzone "Sincerità". E' una Arisa più carica che mai, quella che traspare dalla pagine di Tv Sorrisi e Canzoni nell'intervista che sarà pubblicata domani:

Mi sono proposta con un brano da paura, prodotto da Mauro Pagani che ha curato tutto il mio nuovo cd, Amami

Le perplessità di Arisa

Ma la cantante è tutt'altro che sicura in merito alla sua partecipazione alla kermesse musicale più importante in Italia, dal momento che la nuova visibilità datale da Sky «potrebbe influire in negativo sulla decisione dei selezionatori». C'è da dire che Arisa vivrà in maniera attiva la finale di X Factor 5 dal momento che a contendersi palma del vincitore della quinta edizione del talent show (giovedì 5 gennaio su Sky Uno), ci sarà anche la sua concorrente Antonella Lo Coco, oltre a Francesca e I Moderni.
E a proposito dei suoi colleghi giudici, dice: «Morgan è una persona molto fragile, un genio che spesso ti si scaglia contro e non sai perché», mentre Ventura, afferma che «Simona è una donna malleabile, e non me l’aspettavo», infine Elio è  «una persona fantastica e coerente».
In merito al suo libro asserisce che «é molto autobiografico. C’è il racconto della vita di provincia, dove si cresce con la paura di sbagliare, di non essere amati da Dio».

31 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views