Andrea Bocelli al Duomo di Milano (credit LUCA ROSSETTI, COURTESY SUGAR SRL, DECCA RECORDS)
in foto: Andrea Bocelli al Duomo di Milano (credit LUCA ROSSETTI, COURTESY SUGAR SRL, DECCA RECORDS)

Quello di Andrea Bocelli al Duomo di Milano è stato un concerto vista da milioni di persone. Oltre 23 milioni sono coloro, infatti, che si sono connessi – e commossi – alla diretta che su Youtube il Tenore ha tenuto nel giorno di Pasqua. In una città vuota, in un Duomo in cui non vi era pubblico, infatti, il tenore italiano conosciuto in tutto il mondo ha tenuto una performance storica: "Credo nella Pasqua cristiana, simbolo di una rinascita che tutti, credenti e non, abbiamo bisogno" ha detto Bocelli, che ha aggiunto: "La generosa, coraggiosa, propositiva Milano e l'Italia tutta, saranno, nuovamente, prestissimo un modello vincente, motore di un rinascimento che tutti auspichiamo".

Le parole di Andrea Bocelli

Custodirò l'emozione di questa esperienza inedita e profonda, di questa Santa Pasqua che l’emergenza ha reso dolente, ma al contempo ancora più feconda, tra le memorie in assoluto più care – ha affermato Andrea Bocelli –  Quella sensazione d’essere contemporaneamente solo – come lo siamo tutti, al cospetto dell’Altissimo – eppure di esprimere la voce della preghiera di milioni di voci, mi ha profondamente colpito e commosso. L’amore è un dono. Farlo fluire è scopo primario della stessa vita. E con la vita, ancora una volta, mi trovo in debito. La mia gratitudine va a chi ha concepito questa opportunità, il Comune di Milano e il Duomo, ed a tutti coloro che hanno accolto l’invito e si sono uniti in un abbraccio planetario, raccogliendo quella benedizione del Cielo che ci restituisce coraggio, fiducia, ottimismo, nella certezza della fede”.

Cosa ha cantato Andrea Bocelli

Durante l'evento, organizzato dal Comune di Milano e dalla Veneranda Fabbrica del Duomo e prodotto da Sugar Music e Universal Music Group, il tenore, che si è esibito a titolo completamente gratuito, ha cantato – accompagnato solo dall'organista titolare della cattedrale, Emanuele Vianelli – in una serie di brani di musica sacra che ama particolarmente e trascritti per voce solista e organo. Tra questi l’Ave Maria di Bach /Gounod e "Amazing Grace".