15 CONDIVISIONI

50 Cent accusato di violenza domestica: prese a calci la ex fidanzata

Ha preso a calci l’ex fidanzata e ha distrutto la sua camera da letto. Per questi motivi 50 Cent è stato accusato di violenza domestica e vandalismo. L’accusa inoltre ha svelato anche l’esistenza di un secondo figlio del rapper.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
15 CONDIVISIONI
Immagine

Un'accusa di violenza domestica e 5 di vandalismo hanno colpito Curtis Jackson, meglio noto nel mondo della musica come 50 Cent. Il rapper americano avrebbe preso a calci la propria ex compagna – dalla quale ha avuto un figlio – e ha messo a soqquadro la sua stanza da letto durante una discussione avvenuta il mese scorso.

Il rapper avrebbe causato 1700 euro di danni: "Durante una discussione, Jackson avrebbe distrutto alcuni beni della donna – dice l'accusa -. Sembra che quando la donna s'è chiusa a chiave nella stanza, Jackson l'abbia aperta con un calcio e l'abbia presa a calci, ferendola". TMZ nota anche anche un'altra cosa, ovvero che la polizia, nel suo comunicato stampa, avrebbe fatto anche uno scoop, ovvero che il rapper avrebbe un secondo bambino che nessuno aveva mai confermato. La madre dell'unico figlio di Jackson, infatti, proprio al sito americano ha negato di essere la donna che lo ha accusato, così i sospetti si dirigerebbero verso una modella che è stata tre anni compagna di 50 Cent.

"A prescindere se si sia o meno una persona famosa, la violenza domestica è un crimine serio e il presunto colpevole sarà perseguito con tutti i mezzi possibili da questo ufficio" ha ribadito il pubblico Ministero Feuer

15 CONDIVISIONI
50 Cent, al via il processo per violenza domestica e vandalismo
50 Cent, al via il processo per violenza domestica e vandalismo
50 Cent ritenuto non colpevole di violenza domestica
50 Cent ritenuto non colpevole di violenza domestica
50 Cent nega: "Mai picchiato la mia ex compagna"
50 Cent nega: "Mai picchiato la mia ex compagna"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni