193 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
27 Febbraio 2022
21:33

Mario Biondi cancella il concerto a Mosca: “Vicino al popolo ucraino, guerra inaccettabile”

Mario Biondi ha comunicato la decisione di cancellare il concerto previsto per l’8 marzo a Mosca. Così, l’artista ha manifestato la sua vicinanza al popolo ucraino, che sta vivendo l’orrore della guerra.
A cura di Daniela Seclì
193 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Mario Biondi avrebbe dovuto esibirsi a Mosca martedì 8 marzo. In queste ore, l'artista – che per la sua voce unica è apprezzato a livello internazionale – ha annunciato di avere deciso di cancellare il suo concerto. L'invasione russa in Ucraina e la scia di dolore e morte che sta lasciando dietro di sé, non può lasciare indifferenti. Biondi, in una nota, ha espresso la sua solidarietà al popolo ucraino.

Mario Biondi esprime la propria solidarietà al popolo ucraino

Mario Biondi, in una nota pubblicata sui suoi profili social, ha annunciato la sua decisione di non esibirsi a Mosca. Ha espresso, poi, la sua vicinanza al popolo ucraino:

"Nella giornata di ieri abbiamo deciso di cancellare il concerto previsto a Mosca il prossimo 8 marzo. Esprimo tutta la mia vicinanza al popolo ucraino che tante volte ho incontrato ai miei concerti proprio nelle città che in questi giorni stanno conoscendo l’orrore della guerra. La musica è intrinsecamente messaggera di pace e bellezza e non possiamo accettare quello che sta accadendo".

Il mondo della musica dice no alla guerra

Il mondo della musica si sta unendo in un comune e fermo no alla guerra. Sono tanti gli artisti che si stanno esponendo con un messaggio di pace. Gianni Morandi è intervenuto in una Piazza Maggiore gremita di gente e ha intonato il suo inno pacifista "C'era un ragazzo che come me amava i Beatleas e i Rolling Stones". Mario Biondi, come raccontato, ha cancellato il suo concerto a Mosca. Guardando, invece, al panorama internazionale, Elton John è intervenuto su Instagram dove si è schierato dalla parte dell'Ucraina:

"Siamo affranti nell'assistere a questo conflitto. I nostri cuori sono con il popolo ucraino che non merita di vivere questo incubo. In questi tempi devastanti, siamo dalla parte dell'Ucraina perché si metta fine alla violenza in modo tale che gli aiuti umanitari possano raggiungere coloro che ne hanno un disperato bisogno".

Anche la posizione presa da Madonna è inequivocabile: "Putin non ha il diritto di cancellare l'esistenza dell'Ucraina. Noi ti sosteniamo presidente Zelensky! Preghiamo per te e per il tuo Paese. Dio vi benedica".

193 CONDIVISIONI
2582 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni