Courtney Hadwin
in foto: Courtney Hadwin

La storia dei talent è piena di "fenomeni", anzi forse il fenomeno è uno dei propulsori di alcuni eventi televisivi che cercano l'effetto per dare risalto ai propri concorrenti: l'esempio di Susan Boyle è ancora ben presente nelle teste di tutti coloro che seguono le cose musicali, così come lo è – ma senza gli effetti commerciali dell'inglese – anche quello della nostra Suor Cristina, la suora che qualche anno fa diventò un fenomeno globale grazie alla sua esibizione a The Voice, talent che alla fine riuscì a vincere senza, però, riuscire a sfondare in un mercato discografico ben lontano da quelle sonorità e quell'immagine. Il fine, però, fu in parte raggiunto e il video delle audizioni fece il giro del mondo alzando l'attenzione sul talent.

Una categoria a parte, poi, è quella dei bambini fenomeno e sono tanti i video in cui "non immaginerete che voce ha (nome della bambina in questione)". La storia di Courtney Hadwin è in parte ascrivibile a questo filone, se non fosse che la 13enne di cui da due giorni si parla in America e non solo, non è proprio nuovissima a questa dimensione. Ricapitoliamo: durante le selezioni di America's Got Talent, precursore di molti talent, arriva sul palco una ragazzina che a primo acchito pare molto timida, magrolina, alta e visibilmente emozionata davanti ai giudici che le fanno qualche domanda per rompere il ghiaccio.

All'inizio, quindi, il copione è lo stesso, lei intimidita, il pubblico che la incoraggia, lo studio che si silenzia, parte la base, movimenti sul palco che si fanno pian piano più sicuri e poi la voce che attacca su "Hard to Handle" di Otis Redding in una versione à la Janis Joplin (che in realtà è ripresa dalla cover dei Black Crows) con una voce che riprende quella della cantante di "Cry Baby" e "Me and Bobby McGee" che lascia tutti a bocca aperta grazie a una performance piena di energia al punto che i giudici restano senza parole riservandole il golden buzz, ovvero la possibilità di accedere direttamente al live.

La Hadwin, però, non spunta dal nulla, come ormai sempre più spesso accade tra i partecipanti ai talent e nonostante la giovanissima età può vantare una finale a The Voice Kids U.K., versione per bambini del noto talent, oltre a un canale Youtube su cui carica le sue cover e un profilo Facebook che ha superato i 100 mila fan.