È salita proprio Bjork sul palco allestito alle Terme di Caracalla per annunciare che il concerto che avrebbe dovuto tenere ieri, mercoledì 13 giugno – unica data italiana del suo Utopia tour – non si sarebbe tenuta a causa del maltempo e dei fulmini in particolare, che avrebbero reso poco sicuro la location: "Sfortunatamente dobbiamo annullare il concerto. Non per la pioggia in sé ma perché è molto pericoloso per i fulmini. Credo che tutto abbia un senso e la natura e il destino hanno voluto così" ha detto la cantante arrivata sul palco con una maschera promettendo che farà di tutto per recuperare questa data prevista all'interno della stagione estiva dell'Opera di Roma e come secondo appuntamento del Just Music Festival, uno dei più importanti eventi internazionali che si svolgono nella Capitale.

"Ero molto emozionata di esibirmi qui – ha aggiunto la cantante – e stiamo cercando il modo di riprogrammare la data" e, come riporta l'Ansa presto sarà annunciata la data in cui il concerto sarà recuperato e per cui i biglietti restano validi. Sempre l'agenzia informa che all'inizio della serata era apparso un messaggio della cantautrice che recitava "È in corso una crisi climatica mondiale e dobbiamo fare qualcosa (…) Scriviamo una canzone e immergiamoci al suo interno, facciamo in modo che la natura e la tecnologia possano collaborare" ma proprio Madre Natura, al centro del concept ha evitato che la serata prendesse vita.

Quello di Bjork è uno dei 30 concerti che si terranno sito archeologico delle Terme di Caracalla per un calendario che alterna l'Opera, il balletto e concerti come quelli di Paolo Conte (il 14 e il 15 giugno), che celebrerà i cinquant'anni di Azzurro, Ennio Morricone (16, 17, 18 e 29 giugno), James Taylor con Bonnie Rait e una All Star Band (23 luglio) e Joan Baez (6 agosto), per il suo ultimo tour prima dell'addio alle scene.