1.482 CONDIVISIONI
ecosport
24 Luglio 2014
10:42

10 canzoni da non perdere per chi ama le auto

Quante sono le auto che avrete cantato senza pensarci. Protagoniste di storie d’amore, mezzi per fuggire, metafore sessuali e luoghi sicuri in cui rincasarsi. Ecco 10 fantastiche canzoni che raccontano l’auto come non l’avevate mai pensata.
Immagine
1.482 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
ecosport

Il viaggio e i mezzi di trasporto sono da sempre una fonte di ispirazione per scrittori, musicisti e artisti in generale. Fu il mito della velocità un paio di secoli fa a spingere verso le possibilità che si aprivano con il treno, ad esempio, un mezzo che permetteva uno spostamento più veloce. Anche l'auto, però, da sempre rientra nell'immaginario, compreso quello squisitamente musicale. Ci sono tantissimi video che hanno come protagonista l'auto e tantissime sono le canzoni dedicate proprio a queste e al guidare. Canzoni d'amore, canzoni che usano il tema come metafora, canzoni nuove, canzoni storiche, canzoni italiane e canzoni straniere. Canzoni che potete ascoltare in auto, ovviamente, godendo della possibilità di non dover sempre star là a distrarvi per skippare o riascoltare un brano, visto che esistono tecnologie, come la SYNC dell'Ecosport della Ford che vi permette di controllare tramite AppLink tutti i dispositivi mobili che avete sincronizzato con il vostro smartphone, grazie a dispositivi vocali o al volante.

Ecco un breve elenco di pezzi che trattano proprio questo argomento. Sono una selezione di una scelta più ampia, ma se ve ne vengono in mente altre fatevi avanti.

Michael Jackson – Speed Demon

Non potevamo che cominciare con il suono di tubi di scappamento e con il King Of Pop, in versione fuggiasco. Jackson, infatti, è in fuga da uno “Speed Demon” e niente può fermarlo, come canta lui stesso. Il brano nasce probabilmente da una multa per eccesso di velocità e che Quincy Jones lo incoraggiò a far diventare una canzone. Viaggia Michael, in questa canzone tratta da “Bad”, di cui fu l'ultimo singolo estratto.

And nothin' gonna stop me
Ain't no stop and go
I'm speedin' on the midway
I gotta really burn this road

Bruce Springsteen – Thunder Road

Una delle canzoni più romantiche di Bruce Springsteen e forse della storia della musica ha come protagonista un'auto. Parliamo ovviamente di “Thunder Road”, brano d'apertura di “Born To Run”, considerata da molti una delle canzoni più belle del Boss e della storia della musica.

Well now, I'm no hero, that's understood
All the redemption I can offer, girl, is beneath this dirty hood

With a chance to make it good somehow
Hey, what else can we do now?
Except roll down the window
And let the wind blow back your hair

Rihanna – Shut up and Drive

Abbiamo scritto di auto e gergo automobilistico come metafora, prima, vero? Ecco, Rihanna è un perfetto esempio di quello che dicevamo. “Shut Up and Drive”, tratto dal suo “Good Girls Gone Bad” del 2007 parla di “motori pronti ad esplodere”, “curve da maneggiare” e così via in un testo ammiccante di una delle canzoni più controverse della cantante.

Get you where you wanna go, if you know what I mean
Got a ride that's smoother than a limousine
Can you handle the curves? Can you run all the lights?
If you can, baby boy, then we can go all night

‘Cause it's 0 to 60 in 3.5
Baby, you got the keys
Now shut up and drive, drive, drive
Shut up and drive, drive, drive

E allora stai zitto e guida, guida, guida.

Modest Mouse – Dashboard

“Il mio cruscotto si fonde” cantano i Modest Mouse in un pezzo molto conosciuto, scelto come colonna sonora per un paio di video giochi, oltre ad essere il primo pezzo su cui la band americana ha lavorato quando è stata raggiunta da Johnny Marr, l'ex fondatore degli Smiths. La macchina è distrutta ma prendete il lato positivo “abbiamo ancora la radio”.

Well, it would’ve been, could’ve been worse than you would ever know.
Oh, the dashboard melted, but we still have the radio.

Oh, it should’ve been, could’ve been worse than you would ever know.
Well, you told me about nowhere well it sounds like someplace I’d like to go.

Janis Joplin – Mercedes Benz

Lei è una delle donne del rock di sempre, la sua voce roca è una caratteristica imprescindibile del genere. E “Mercedes Benz” è uno dei pezzi più conosciuto della cantante, nonché l'ultima registrata dalla Joplin che morirà da lì a poco di overdose, entrando nel Club dei 27 (i cantanti morti a 27 anni). Il brano, tratto da “Pearl”, è una preghiera ironica rivolta a dio, a cui chiede di regalarle degli oggetti di valore visto che ha “lavorato duramente tutta la vita”

Oh lord won't you buy me a Mercedes Benz.
My friends all drive porsches, I must make amends.
Worked hard all my lifetime, no help from my friends.
So oh lord won't you buy me a Mercedes Benz

Deep Purple – Highway Star

“Highway Star” rientra di diritto tra gli inni dedicati alle auto. Il pezzo dei Deep Purple, inoltre, ha una genesi molto particolare e come racconta Dave Thompson in “Smoke on the Water: The Deep Purple Story” la canzone fu scritta mentre guidavano verso un concerto. Un giornalista che era con loro chiese a Ian Gillian come scrivesse le canzoni e per dargli una dimostrazione pratica Gillian glielo mostrò scrivendo questo pezzo che comincia in maniera molto chiara

Nobody gonna take my car
I’m gonna race it to the ground
Nobody gonna beat my car
It’s gonna break the speed of sound

Oooh it’s a killing machine
It’s got everything
Like a driving power
big fat tyres
And everything

Paul McCartney – Drive My Car

“Baby You Can Drive My Car” dice una ragazza a un ragazzo in un testo che, tanto per cambiare, non è probabilmente ciò che sembra. Diciamo probabilmente, ma pare che McCartney abbia chiaramente detto, come riporta Barry Miles, che “Drive My Car era un vecchio eufemismo blues per indicare il sesso”. Quel che è certo è che il brano fu inserito in “Rubber Soul” e al di fuori di eufemismi parla della voglia di fama di una ragazza che ha un dialogo con un ragazzo al quale prometterà di fargli guidare l'auto appena diventerà famosa: “Devo dirti una cosa, non ho l'auto e mi spezza il cuore, ma ho trovato un autista ed è un inizio”.

Baby, you can drive my car
Yes, I'm gonna be a star
Baby you can drive my car
And maybe I'll love you

I told that girl I could start right away
And she said, listen baby I've got something to say
I got no car and it's breaking my heart
But I've found a driver and that's a start

Gary Numan – Cars

“Cars” è un pezzo che ha raggiunto il successo in tantissimi paesi, diventando uno dei brani simbolo della new wave, nonché un brano sulla sicurezza che ti dà l'auto. Numan, infatti, ha raccontato che l'idea della canzone gli è venuta quando un gruppo di persone hanno provato ad aggredirlo e farlo scendere dall'auto: “Ho chiuso le porte e alla fine sono fuggito (…). La canzone spiega come ti possa sentire al sicuro in una macchina in questo mondo moderno”. E voi, come vi sentite quando siete chiusi nella vostra auto?

Here in my car
I feel safest of all
I can lock all my doors
It's the only way to live

Chuck Berry – No Particular Place To Go

Andare, andare, semplicemente andare, senza avere per forza una meta, ma possibilmente con qualcuno che ci piace affianco. Senz aun posto particolare in cui andare. “No Particular Place to go”, insomma, come canta Chuck Berry in un pezzo del 1964. Una serata fantastica, “la notte era giovane e la luna piena” e allora perché non farsi un giro? Perché la cintura di lei non si stacca…

Ridin' along in my automobile
I'm anxious to tell her the way I feel,
So I told her softly and sincere,
And she leaned and whispered in my ear
Cuddlin' more and drivin' slow,
With no particular place to go.

Tracy Chapman – Fast Car

“Non è proprio una canzone sull'auto… tendenzialmente parla di una relazione che non funziona perché parte coi presupposti sbagliati” ha detto Tracy Chapman che ha pubblicato il brano nel 1988. Una canzone che contribuì a lanciarla nel mondo della musica permettendole di vincere un Grammy. Il brano è un breve racconto messo in versi, in cui la cantante racconta di un padre alcolizzato e di una madre che non sopportandolo più lo lascia, costringendo chi racconta la storia a prendersene cura. Ma chi racconta la storia vivrà la stessa storia della madre e l'auto diventa un posto della memoria. Un luogo felice in cui era bello avere le sue braccia attorno alle proprie spalle.

See I remember when we were driving, driving in your car
The speed so fast I felt like I was drunk
City lights lay out before us
And your arm felt nice wrapped ‘round my shoulder

Ghost Track

Stan Getz – Midnight Ride 

Con Ford puoi creare la  tua playlist “on the road” definitiva e vincere 10 abbonamenti Spotify Premium!

Questo è un contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios, realizzato in linea con le necessità del brand
1.482 CONDIVISIONI
 
ecosport
contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni