in foto: Il musicista Virgil Howe

Virgil Howe, batterista della band Little Barrie e figlio del chitarrista degli Yes Steve Howe è morto improvvisamente all'età di 42 anni, come ha confermato anche la pagina Facebook ufficiale della band del padre che ha contestualmente annunciato lo stop del tour. le cause della morte del ragazzo non sono ancora note, per adesso resta il comunicato ufficiale degli Yes in cui si legge che "A causa della tragica e inaspettata morte dell'amatissimo figlio più piccolo del chitarrista Steve Howe, Virgil, gli Yes annunciano con enorme rammarico che le rimanenti date del loro Yestival Tour sono state cancellate. Gli YES – Steve Howe, Alan White, Geoff Downes, Jon Davison e Billy Sherwood – vogliono ringraziare tutti i loro fan per il supporto e la comprensione in questo momento. Steve Howe e la famiglia chiedono che la loro privacy sia rispettata in questo momento complicato".

Virgil suonava nella sua band, che proprio ieri aveva pubblicato sulla rivista Clash Magazine il loro nuovo singolo "Produkt", ma aveva anche collaborato col padre, contribuendo alla parte vocale e alle tastiere nell'album del 1993 "The Grand Scheme of Things" (a cui aveva partecipato anche il fratello Dylan che era attualmente in tour con la band del padre), mentre per quanto riguarda i Little Barrie, la band aveva pubblicato l'ultimo album "Death Express" lo scorso 7 luglio.

La band di Howe era conosciuta anche per aver scritto e registrato il tema principale di "Better Call Saul" lo spin off della serie tv Breaking Bad a cui avevano partecipato anche con la canzone "Why Don't You Do It". La morte del musicista, inoltre, avviene due mesi prima dell'uscita dell'ultimo album che aveva registrato col padre, "Nexus", che dovrebbe uscire il prossimo 17 novembre, mentre con la sua band avrebbe dovuto cominciare a breve il tour inglese.