Un grave lutto ha colpito Erlend Øye che ha annunciato la morte della madre e l'ovvio rinvio del concerto che i suoi Kings of Convenience avevano in programma il 16 luglio a Sesto al Reghena (PN) per il Sexto’nplugged Festival. Nonostante siano discograficamente fermi dal 2009 il cantante norvegese assieme al sodale Eirik Glambek Bøe continuano da anni a portare almeno in tour il risultato di uno dei gruppi pop più amati di questi ultimi anni, autori di quattro album assieme ("Kings of Convenience", "Quiet Is the New Loud", "Riot on an Empty Street" e "Declaration of Dependence") e di altrettanto bei progetti solisti (come i Whitest Boy Alive) e quest'anno in procinto di festeggiare i 15 anni di carriera.

I motivi del rinvio del concerto.

In un comunicato inviato al festival Øye ha spiegato i motivi di questo stop:

Cari fans italiani, purtroppo la mia adorata madre Kjersti è venuta a mancare nei giorni scorsi. Il funerale si terrà questo venerdì…come potete immaginare non ho la forza di salire subito su un palco, per cui mi duole dover cancellare il concerto di sabato a Sesto al Reghena. Spero comunque di potervi incontrare presto, Erlend.

Il rapporto di Erlend Øye con l'Italia

Il rapporto con i fan italiani, come sa chiunque abbia seguito i passi del cantante in questi ultimi anni, è molto forte, dal momento che Erlend si è trasferito anni fa a Siracusa, dove continua a fare base molti mesi della sua vita, senza contare l'amore spassionato che ha per la musica leggera italiana con molta attenzione verso i gruppi contemporanei (in un'intervista dichiarò che la migliore band del momento erano i campani Fitness Forever, sotto etichetta con la spagnola Elefant Record).

Le altre date dei Kings of Convenience.

In attesa di ulteriori comunicazioni, la band dovrebbe esibirsi, nei prossimi giorni, all’Anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera il il 17 luglio, nel Cortile degli Agostiniani a Rimini il 19 luglio, a Sarzana il 20, il 22 luglio al Castello Svevo di Cosenza e il 23 al Castel Sant'Elmo di Napoli.