in foto: Harry Styles (Getty Images)

Buone notizie per i fan italiani di Harry Styles che non sono riusciti a procurarsi i biglietti per il concerto del 10 novembre 2017 all'Alcatraz di Milano. Il cantante degli One Direction, infatti, ha annunciato 56 nuove date per il 2018, tra cui altre due tappe italiane: il 2 aprile 2018, seconda data milanese del tour, al Mediolanum Forum d'Assago e il 4 aprile all'Unipol Arena di Bologna.

Le tappe del 2018 del "Live On Tour", quindi, si svolgeranno in palazzetti che possono ospitare molte più persone rispetto a quelli dei primi show annunciati, che cominceranno a settembre 2017 e toccheranno numerose location dalla dimensione più intima in giro per il mondo. La seconda parte del tour, invece, prenderà il via a marzo 2018 a Basilea, in Svizzera, e si concluderà a Los Angeles, in California, a luglio. Le nuove date del cantante, che recentemente ha telefonato a una sua fan coinvolta nell'attacco terroristico di Manchester, avranno come special guest Kacey Musgraves in Canada e negli Stati Uniti, Warpaint per i concerti in Asia e Leon Bridges nelle tappe sudamericane e messicane, oltre ad altri ospiti speciali in Europa e in Australia, che saranno annunciati prossimamente.

Come acquistare i biglietti.

I biglietti per i nuovi concerti italiani saranno in vendita su TicketOne a partire dalle 9 di venerdì 16 giugno. Harry Styles è tra i cantanti che si stanno impegnando in prima persona per tutelare i fan dai rivenditori abusivi dei biglietti dei concerti. Per questo l'artista inglese ha deciso di attivare un sito dedicato alla presale delle date europee, dove ci si può registrare da oggi all'11 giugno alle 10, per prenotare i ticket. Per le date nordamericane, invece, il servizio è disponibile da ora con il programma di TicketMaster Verified Fan. Il numero di biglietti che può acquistare una singola persona è limitato.

Il successo di "Harry Styles"

Il primo album da solista dell'ex One Direction, "Harry Styles", è stato pubblicato il 12 maggio e ha conquistato le classifiche di tutto il mondo: negli Stati Uniti si è posizionato al primo posto della classifica "Billboard 200", vendendo un totale di 230mila copie mentre in Italia ha debuttato al secondo posto della Classifica FIMI e, alla terza settimana, è ancora in Top Ten alla decima posizione, grazie anche a un singolo "Sign Of The Times" certificato oro dopo poche settimane.