991 CONDIVISIONI

J-Ax contro Paolo Meneguzzi, il testo del dissing: “Truccavi le classifiche, ti ho ridato la vita”

J-Ax ha risposto alle critiche di Paolo Meneguzzi con un dissing in barre intitolato “L’invidia del Peneguzzi”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Redazione Music
991 CONDIVISIONI
Immagine

È l'estate del dissing, non più solo quella dei tormentoni. E J-Ax ha deciso di gareggiare in tutte e due le categorie, prima con Disco Paradise, la canzone che canta assieme a Fedez e Annalisa e la seconda, a cui hanno dato il la Luchè e Salmo, contro Paolo Meneguzzi. Quest'ultimo, infatti, in un'intervista aveva citato come esempio di cattivo pop proprio Disco paradise: "L’estate pop 2023 è deprimente. Il medium pop mi pare svilito. Vedere gente tutta tatuata che va su un palco a cantare la Disco paradise di turno mi fa tristezza. Quelle sono marchette". Questa frase aveva dato il via a un botta e risposta sui social, con J-Ax che aveva chiuso chiedendo ai suoi fan, se avesse senso rispondere ancora. La risposta positiva ha portato non tanto a un'ennesima storia, quanto a un vero e proprio dissing rappato, che ha chiamato "L'invidia del Peneguzzi". J-Ax, quindi, risponde sui vari punti all'autore di VeroFalso, ironizzando sul successo in America latina, citando il dissing più famoso dell'estate, e paragonando il cantante a Giorgia Meloni, fino a rispondere alle accuse di fare televisione e marchette. Nel pezzo si citano L'avvelenata di Guccini, il Sanremo di Amadeus, ma anche Clementino, Guè, Manuel Agnelli e Willie Nelson, fino alle barre finali in cui si chiede una risposta.

Il testo del dissing di J-Ax a Paolo Meneguzzi

Ola Pablo,  è abbastanza America Latina questa base,
va bene, sai, vorrei alzarmi al tuo livello, vamos, chico
Mettiamo questa cosa in prospettiva,
per me questo non è un dissing, è beneficenza estiva
con una story del cazzo ti ho ridato la vita,
sapendo bene come sarebbe finita.
Ti sei attaccato come un naufrago alla cima,
sali sulla barca e poi ti attacchi al cazzo come prima,

Salmo e Luché che sfida epica, a me tocca Meneguzzi,
è una vita che la sfiga mi perseguita,
e tu mi fai la predica per una gloria breve come la tua fama in Sud America,
e mo su Instagram ti insultano, su Facebook ce l'hai fatta,
nel regno dei coglioni, complottisti e terrapiatta,
tra giornalisti, Iene, cookie e chi tiene i groupie
coi meme brutti e potrei dire cazzo Meneguzzi
ma ti voglio bene pussy, ti auguro successo,
così che poi ti insulti chi ti dà ragione adesso.

Ideali, famiglia e valori, io parlo di cannoni tu come Giorgia Meloni
hai detto che io ho i follower e non i fan, quando mai,
io sui social metto solo le foto dei live.
Tu quelli di tuo figlio per acchiappare due like,
poi vieni a farmi la morale per la Disco paradise, dai
che al tuo confronti sembra scritta da Guccini
e dici che faccio il pappone con i ragazzini.

No, nini, gli ho detto che gli streaming sono meglio
di quando il tuo produttore faceva giochini da …
e si comprava i tuoi dischi truccando la classifica FIMI.
Che hai detto? saresti diventato Justin Bieber, con il giusto investimento
e Madonna in Cile era al tuo livello?

Ma in Italia eri Tiziano Ferro senza la voce e il talento
non lo faresti un pezzo con Annalisa e Fedez? Noooo
o con Jannacci e Pino Daniele,
io non sono un grande ma li ho conosciuti i grandi
e una cosa che non fanno mai è mortificare gli altri.

Torna a Montevideo che qui ti han lasciato a piedi pure Pio e Amedeo
Vero, ho fatto tele come Cleme, Agnelli e pure Gué,
anche Sanremo perché Amadeus ha fatto fuori quelli come te.
E son felice per i soldi che hanno dato a Salmo
ed ho goduto per i calci ai fiori che ha tirato Blanco
che ha fatto incazzare quelli che mo ti fanno l'applauso
che tra due giorni ti riscorderanno

È vero, sono vecchio ma pure tu sei vecchio
e io ci sta che parlo d'erba come Willie Nelson,
tu invece non puoi più vendere sesso nei pezzi d'amore
alle bambine che aspettano il primo mestruo

Entrambi siamo escort, io quella d'alto bordo,
tu quella cessa che uno dice: "Non me la ricordo"
mettiamole ‘ste cose al loro posto, tu fai le marchette,
io al limite ho gli sponsor.

Intiende Pablo, che adesso non fare il piangina,
io non sono un rapper, non posso rispondere,
invece se sei così bravo,
sei un cantante pop così completo
piglia la penna e scrivimi un pezzo tipo L'avvelenata
che poi ci hai pure provato a fare il rap
facevi cagare ma ci hai provato

e comunque sei più ravo come rapper che come cantante,
quindi la prossima volta togliti il mio nome dalla tua cazzo di bocca
e stai tranquillo che io ti lascio stare,
adios Pablo.

991 CONDIVISIONI
Paolo Meneguzzi contro il dissing di J Ax: "Sei il segretario di Fedez"
Paolo Meneguzzi contro il dissing di J Ax: "Sei il segretario di Fedez"
Paolo Meneguzzi risponde al dissing di J Ax: "Pronto, parlo con il segretario di Fedez?"
Paolo Meneguzzi risponde al dissing di J Ax: "Pronto, parlo con il segretario di Fedez?"
La lunga lettera di Paolo Meneguzzi a J-Ax, il dissing continua: "Ti hanno usato come un pannolino"
La lunga lettera di Paolo Meneguzzi a J-Ax, il dissing continua: "Ti hanno usato come un pannolino"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views