Fa assai discutere la richiesta della cantante irlandese Sinead O’Connor, che venerdì scorso ha chiesto pubblicamente le dimissioni di Papa Benedetto XVI, dopo il rapporto del governo irlandese che ha portato alla luce gli scandalosi abusi sui minori da parte del clero irlandese, insabbiati per anni dal Vaticano che era a conoscenza dei fatti.

La O’Connor, che già in precedenza aveva infiammato la sensibilità cattolica stracciando una foto di Giovanni Paolo II in diretta tv, avrebbe inviato una lettera in cui accusa il Papa di aver taciuto per troppo tempo sui vergognosi eventi.

"Esigo che il Papa si dimetta per il suo silenzio spregevole sui fatti e per la sua mancata cooperazione nell'inchiesta", ha scritto la cantante di ‘Nothing Compares To You’ in una lettera al quotidiano Independent, pubblicata prima di una riunione tra i leader della chiesa irlandese e il Papa in Vaticano.

"I Papi non hanno avuto alcun problema ad esprimere le proprie opinioni, quando si è scelto per la  contraccezione o il divorzio", ha detto la O'Connor. "Nessun problema a criticare ‘Il Codice da Vinci'. "ppure, quando si tratta di parlare di pedofili travestiti da sacerdoti adottano il silenzio. E ‘grottesco, incredibile, bizzarro e senza precedenti.”

Biagio Chiariello