in foto: Rita Comisi

La quinta edizione di Amici di Maria De Filippi fu vinta dal ballerino Ivan D'Andrea, seguito dall'attore Andrea Dianetti e dalla cantante siciliana – brasiliana di nascita – Rita Comisi. E fu proprio quest'ultima a prendersi, però, il Premio della Critica, finendo così in uno dei palmares più importanti di quello che, tutt'ora, è il principale talent italiano, quello in grado di dare vita a cantanti che troviamo da anni nelle maggiori classifiche di vendita. Erano altri tempi, ovviamente, e il programma condotto da Maria De Filippi non era ancora la macchina da guerra che sarebbe diventata qualche anno dopo, ma è da lì, da quelle edizioni, che si è formata quella macchina (quasi) perfetta che oggi è uno dei prodotti più amati/odiati del panorama musicale italiano e che negli anni ha dato il via alle carriere di cantanti come Alessandra Amoroso, Emma, Valerio Scanu, Marco Carta, giù giù fino a Dear Jack, The Kolors e gli ultimi Sergio Sylvestre, Elodie e Lele Esposito.

La Comisi arrivò con qualche anno di anticipo, ma nonostante ciò riuscì a togliersi qualche soddisfazione. L'ingresso nella scuola della De Filippi fu nel settembre del 2005 quando fu scelta grazie a una cover di Lara Fabian. Come è noto, la ragazza, pur mettendosi in luce, non riuscì a vincere quell'edizione – una delle poche che non ha visto un cantante in testa – ma riuscì comunque a portarsi a casa un Premio come quello della critica, riscontrando il favore del pubblico e dei giornalisti.

Ma la vita degli allievi dei talent non era semplicissima, e la strada per la notorietà era sicuramente molto più complessa di quella di oggi. In molti hanno virato verso il musical, qualcuno continua a pubblicare, anche con major, in tanti sono scomparsi dai radar, altri hanno cambiato completamente vita, mentre altri continuano, pur senza la ribalta nazionale, a fare quello che gli piace e la Comisi, stando almeno a quanto si trova in giro, rientra tra queste ultime.

Dopo il gradino più basso del podio, la Comisi partecipò ad alcune puntate di Buona Domenica, dove i ragazzi del talent si facevano un po' le ossa confrontandosi col grande pubblico e con una trasmissione importante e arrivò anche a collaborare con Ronan Keating dei Boyzone: con lui, infatti, duettò nel singolo da solista del cantante irlandese, "All Over Again", cantando la parte in italiano e lasciando al compagno quella in inglese, ovviamente, promuovendo il singolo in varie trasmissioni tv e successivamente tentando anche la strada del teatro. In un'intervista del 2013, tornando sulla sua esperienza al talent disse

Si trattava ancora di una novità, e c’erano troppi pregiudizi su chi usciva dai talent show.Fortunatamente io non mi sono mai abbattuta e ho sempre continuato a lottare per ciò che credevo, lavorando, e inseguendo le mie passioni e i miei sogni (…) ci sono state tante promesse poi non mantenute. Mi avevano promesso un vero e proprio contratto discografico che avrei firmato subito dopo la fine della promozione del duetto con Ronan Keating. Purtroppo quelle stesse persone che me lo avevano proposto sono sparite e non si sono più fatte vive.E' stata una batosta, anche perché non erano state poche le proposte che avevo rifiutato convinta di dovermi concentrare sul mio primo disco.Mi avevano anche presa per un provino. Poi però la parte è andata a un'altra.

Chi l'ha detto che un sogno diventa tale solo se accompagnato dalla notorietà? Oggi, infatti, la Comisi, forte di un'esperienza importante nel campo, continua a cantare nella sua Sicilia e non solo.