in foto: Alex Baroni

Sono passati 15 anni dalla morte di Alex Baroni, una delle voci più belle della musica italiana. Se ne andava il 15 aprile del 2002, infatti, a causa di un incidente in moto di cui è rimasto vittima mentre era sulla Clodia, a causa di un automobilista che aveva fatto un'inversione a U in un punto in cui non avrebbe potuto: dopo 25 giorni di coma, infatti, il cantante non ce la fa. Una scomparsa improvvisa e per questo ancora più dolorosa, quella di Baroni, che lascia la musica italiana priva di una delle voci che in quegli anni si era fatta maggiormente conoscere e amare. Erano passati cinque anni dall'inizio della sua carriera e dell'arrivo di una enorme notorietà: fu il palco del Festival di Sanremo, infatti, a dare a Baroni la visibilità che meritava, grazie a "Cambiare", canzone scritta da lui e musicata da Massimo Calabrese, Marco Rinalduzzi e Marco D'Angelo.

La partecipazione a Sanremo.

Era la 47ª edizione del Festival di Sanremo e Baroni gareggiava nella categoria Nuove Proposte con quella che sarebbe diventata la sua canzone simbolo che, nonostante tutto, non sarebbe riuscita a battere un altro tormentone di quel periodo come "Amici come prima" di Paola e Chiara, nell'anno in cui tra i Big si imposero i Jalisse con "Fiumi di parole". La canzone, che quest'anno festeggia i 20 anni, appunto, vinse permise all'autore di aggiudicarsi il premio come "Miglior voce del festival", assegnato dalla giuria capeggiata da Luciano Pavarotti e il "Premio Volare", per il miglior testo.

Il significato di "Cambiare"

Un testo che, accompagnato dalla voce soul del cantante, è diventato un grande classico della musica leggera italiana. Le doti di Baroni gli permettono di scrivere un testo d'amore che evita i canoni semplicistici, pur affrontando un tema ricorrente come quello della fine di un amore, del bisogno di cambiare, andare avanti, ma con la consapevolezza che sarà difficile togliersi dalla testa quel grande sentimento: "Resterai qui fino alla fine di me. Amore mi dovrà passare, per diventare libero, cambiare, cambiare", canta Baroni. E la canzone, negli anni, è stata ripresa anche da altri colleghi: c'è stata la versione di Giorgia, che di Baroni era la compagna, quella di Noemi, di Al Bano e Valerio Scanu, tra gli altri.