in foto:
Jean–Jacques Perrey, foto di bthrewww [CC BY–SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by–sa/2.0)], via Wikimedia Commons

Jean-Jacques Perrey, uno dei pionieri mondiali della musica elettronica è morto ieri a Lugano, in Svizzera a causa di un cancro. Il musicista francese, 87enne, che era stato autore di "Baroque Hoedown", la musica utilizzata per la storica parata elettronica che si tiene regolarmente nei parchi Disneyland, è stato colpito da un "cancro ai polmoni veloce e violentissimo", come ha spiegato la figlia Patricia Leroy. Il musicista è stato un vero e proprio pioniere e stando a un ricordo su Facebook della compositrice Dana Countryman, collaboratrice di Perrey, già negli anni '50 aveva cominciato a comporre musica elettronica, ben prima dell'arrivo del Moog nel 1967

La sua musica folle e felice è stata ascoltata ovunque – ha spiegato la Countryman -, dalle pubblicità a ‘Sesame Street' (noto programma americano per bambini, ndr), nella musica hip hop, nei remix dance e più notoriamente per decenni, nell'incantevole musica di Disneyland ‘Main Street Electrical Parade'. Recentemente la sua musica è stata anche utilizzata nei Simpson e in South Park.

Negli anni '60 Perrey si unì al compositore americano Gershon Kingsley registrando album che mescolavano elettronica e pop, in cui era inserito proprio il tema principale della parata. Il musicista nacque nel 1929 e cominciò la sua ‘carriera' musicale suonando la fisarmonica ricevuta per Natale, ma fu l'incontro con l'inventore Georges Jenny che aveva creato una tastiera elettronica antesignana del sintetizzatore e così lasciò gli studi di medicina per imparare a utilizzare il piano, diventando un rappresentante dello strumento per Jenny. La sua carriera cominciò così e si sviluppò in tutto il mondo, spinto anche, tra gli altri, da Edith Piaf

Ho inventato un nuovo processo per generare nuovi ritmi utilizzando suoni come macchine del rumore, pianti degli animali, il buzzing degli insetti – scrisse nella sua biografia sul sito -. Una volta che il suono fu registrato posso impastarla, tagliarla, raddoppiarne la velocità o dimezzarla e in questo modo renderla praticamente irriconoscibile".