Lo scrivevamo qualche giorno fa: in che modo Sfera Ebbasta sarebbe tornato attivo sui social dopo la tragedia di Ancona? In che modo il trapper di Cinisello Balsamo, che avrebbe dovuto cantare alla Lanterna Azzurra di Corinaldo la sera in cui sei persone sono morte a causa del panico causato da uno spray al peperoncino, poteva tornare attivo su Instagram, dove è sempre stato attivissimo con decine di storie al giorno in cui raccontava la sua vita? Il cantante lo ha fatto con un altro messaggio di cordoglio, qualche rigo sulle sue sensazioni, su quello che è successo, senza polemiche, sfiorandola solo, e soprattutto con una foto di sé, un primo piano, scegliendo, quindi, di rimettersi in gioco e senza chiudere i commenti, come avvenuto per il primo messaggio post tragedia, affidato a un'immagine che riportava direttamente il comunicato.

Il cordoglio di Sfera Ebbasta

"Non è facile trovare le parole giuste, non esistono parole giuste per descrivere il dolore che questa tragedia ha creato" scrive comprensibilmente Sfera, trovatosi, suo malgrado, al centro di una discussione enorme che più volte lo ha visto, paradossalmente, anche dalla parte degli imputati. Ma il cantante evita la polemica diretta – anche contro chi aveva invaso la sua bacheca subito dopo la tragedia, chiedendogli di esprimersi, come se fosse facile farlo a caldo: "In questi giorni ne ho sentite di ogni, anche contro di me, ma non è mia intenzione esprimermi sulle cattiverie che ho dovuto ascoltare, purtroppo si commentano da sole" continua Sfera che ribadisce il bisogno di conservare alcune cose in una sfera privata.

La conferma dei concerti nel 2019

Il messaggio è anche un modo per ringraziare ("la mia famiglia, i miei amici e tutti i fan che mi sono stati vicini in questi giorni") e per reintrodurre quella che è la sua vita, ovvero la musica e confermando che i concerti di aprile sono, ovviamente, confermati e che la sua vita artistica continua, dopo la cancellazione degli impegni promo: "Il 2018 è stato un anno pieno di emozioni per me e tutto questo non sarebbe stato possibile senza di voi, grazie davvero! Ci si vede ai concerti in giro per l’Italia, sono pronto per affrontare questo 2019 con ancora più grinta e passione di prima".

L'amicizia nel ritorno delle storie su Instagram

Sono tornate anche le storie su Instagram, quindi, oltre ai post. Niente di eclatante, ma solo un paio di immagini che lo ritraggono con il suo alter ego artistico, ovvero il produttore Charlie Charles, re Mida della trap nostrana di cui ha ripostato una storia che lo vede assieme sul palco e un'altra in cui lo bacia affettuosamente. Sarà interessante capire se e in che modo la gestione della comunicazione di Sfera cambierà dopo che il suo personaggio è diventato ancora più noto tra chi non segue la musica e quel genere in particolare.