9 Ottobre 2014
14:22

Mario Venuti racconta ‘Il tramonto dell’occidente’: “Senza retorica e paternalismi”

In un’intervista a Fanpage il cantautore siracusano racconta il suo nuovo album, col quale festeggia il ventennale da solista. Uno sguardo consapevole, con qualche divagazione, sul declino dell’impero occidentale.
A cura di Andrea Parrella

Per celebrare i vent'anni di una carriera da solista fatta di successo di pubblico e riconoscimenti della critica, Mario Venuti esce con il suo nono lavoro discografico, dal titolo significativo "Il tramonto dell'occidente". Il tramonto che il cantautore prova a delineare lungo le tracce di un'opera mentale, è un percorso fatto di consapevolezza, constatazione che nel declino di un impero, citando la title track, non c'è spazio per i rulli di tamburi. Al contrario non vi sono che ruberie e volgarità, nel pantano delle quali l'artista che guarda il mondo non può che muoversi cercando di abbozzare suggerimenti per una nuova strada, senza la presunzione di dare lezioni.

Abbiamo intervistato Venuti trovandoci di fronte ad un cantautore che afferma di aver concepito questo album senza avvertire il peso di un ventennio, rivelando una voglia di ricerca e di freschezza artistica inattesa. L'opera vanta collaborazioni illustri, da Battiato, che prende parte ad una traccia incentrata sulla figura di Beethoven, a Giusy Ferreri, passando per Alice, artisti che hanno messo le proprie voci al servizio dell'album. Inoltre Francesco Bianconi e Kaballà, i quali invece hanno collaborato al concepimento dell'album stesso, partecipando a questa digressione sulla deriva dei tempi moderni. Nei prossimi mesi partirà naturalmente un tour che impegnerà Mario Venuti e lovedrà in scena in diverse città d'Italia, le principali. Una serie di occasioni nelle quali, è lo stesso autore a confessarlo, potrebbero salire sul palco anche altri amici e colleghi storici, presenze importanti che si sono susseguite lungo tutto il corso della sua carriera: inutile dire che i Denovo, il gruppo storico con il quale ha cominciato, e Carmen Consoli, potrebbero rientrare in questo elenco.

Mario Sesti racconta Dalla nel documentario
Mario Sesti racconta Dalla nel documentario "Senza Lucio"
40.632 di Spettacolo Fanpage
A Sabrina Ferilli il David Speciale 2022:
A Sabrina Ferilli il David Speciale 2022: "Per il sorriso senza retorica e l’elogio della leggerezza"
Mario Martone racconta Massimo Troisi nel docufilm
Mario Martone racconta Massimo Troisi nel docufilm "Laggiù qualcuno mi ama"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni