È sotto choc Gianluca Ginoble, il cantante de "Il Volo" che sarebbe dovuto essere all'Hotel Rigopiano, travolto dalla slavina nella giornata di ieri. All'Ansa racconta la sua testimonianza

Dovevo essere all'hotel Rigopiano in questi giorni. Sono scampato per miracolo alla tragedia ma sono disperato per quello che è accaduto e per i morti, era un posto meraviglioso e Roberto il proprietario un mio caro amico.

L'attore vive a Roseto Degli Abruzzi e proprio lì l'architetto proprietario dell'albergo sarebbe dovuto andarlo a prendere nella giornata di martedì mattina, 16 gennaio, per portarlo all'Hotel Rigopiano per qualche giorno di relax.

I nomi degli ospiti dell'Hotel Rigopiano.

Questi i nomi degli ospiti dell’Hotel Rigopiano

Gianpaolo Matrone, 33 anni, di Roma
Valentina Cicioni, 32 anni, di Roma
Marco Tanda, 25 anni, di Macerata
Jessica Tinari, 24 anni, di Lanciano (Chieti),
Tobia Foresta, 60 anni, di Cosenza
Bianca Iudicone, 50 anni, residente in Germania
Stefano Feniello, 28 anni, di Oliveto Citra (Salerno)
Francesca Bronzi, 25 anni, di Pescara
Vincenzo Forti, 25 anni, di Giulianova (Teramo),
Giorgia Galassi, 22 anni, Svizzera
Marina Serraiocco, 36 anni, di Popoli (Pescara)
Domenico Di Michelangelo, 40 anni, di Chieti
Samuele Di Michelangelo, 9 anni
Giampiero Parete, 38 anni, di Pescara, si è salvato
Vranceau Adriana, 43 anni, nata in Romania
Gianfilippo Parete, 7 anni, di Montesilvano (Pe)
Ludovica Parete, 6 anni, di Montesilvano (Pe)
Piero Di Pietro, 53 anni, di Loreto Aprutino (Pe)
Rosa Barbara Nobilio, 51 anni, di Roma
Sebastano Di Carlo, 49 anni, di Penne (Pescara)
Nadia Acconciamessa, 47 anni, di Loreto Aprutino (Pescara)
Luciano Caporale, 54 anni, Castel Frentano (Chieti)
Silvana Angelucci, 46 anni, Castel Frentano (Chieti)

Gianluca Ginoble a Pomeriggio 5.

Gianluca ha raccontato la tragedia anche nel corso di un'intervista rilasciata in diretta a "Pomeriggio 5". Il tenore de "Il Volo" avrebbe dovuto essere presente in hotel. Aveva già parlato dei particolari con Roberto, proprietario della struttura

Sono senza parole. Ho sentito Roberto pochi giorni fa. Abbiamo rimandato la mia vacanza relax per ben due volte. L'ho sentito lunedì. Mi disse che mi sarebbe venuto a prendere se avessi avuto dei problemi con l'auto. Gli risposi che, vista la situazione, sarebbe stato meglio rimandare. Mi trema la voce. Sarei dovuto partire lunedì o martedì, quando Roberto mi ha chiamato scusandosi perché non mi aveva contattato prima. Mi disse: "Scusami Gianluca, ma puoi immaginare la situazione. L'Abruzzo è messo alla prova". Nessuno si aspettava questa situazione: il terremoto, la neve e adesso anche il freddo. Ringrazio tutti quelli che ci stanno aiutando. Spero che riescano a salvarli tutti. Penso a tutta la gente che sta soffrendo. Ci vorrebbe l'esercito.