Le lacrime di Fedez rimarranno nella storia, almeno quella dei suoi fan e degli hater che però, sfottò a parte, dovranno riconoscergli la buona fede. Ieri sera, infatti, è andato in onda un servizio de Le Iene in cui il rapper milanese è stato vittima di uno scherzo organizzato dal suo socio J-Ax con l'aiuto di tutti i suoi collaboratori più stretti, compresi il suo avvocato e Clemente Zard, che organizza il tour di "Comunisti col Rolex". Come noto il programma di Italia Uno è stato quello che grazie a un paio di servizi è riuscito a portare all'attenzione del grande pubblico il problema del secondary ticketing, ovvero del bagarinaggio online, per cui un'enorme quantità di biglietti sono finiti, a prezzi maggiorati di molto, su siti di scambio che dovrebbero essere tra privati: le inchieste delle Iene hanno dimostrato come queste operazioni avvenissero anche con la collaborazione di alcune grandi agenzie di organizzazioni eventi.

E così J-Ax ha avuto un'idea: perché non far credere a Fedez di essere vittima (e anche carnefice) di questa operazione? Con l'aiuto di Matteo Viviani, quindi, ha cominciato a costruire un castello (di carta) attorno al compagno, prima tramite l'avvocato che ha insinuato il dubbio di un illecito con una telefonata ("Fede, mi ha chiamato la Questura, ci sono problemi sui biglietti, sulla vendita dei biglietti del tour"), poi con Zard che però rispondeva a monosillabi ai messaggi Whatsapp, e con la madre che gli fa anche da manager. Preso inizialmente in maniera scherzosa, pian piano le cose hanno cominciato a prendere una piega più pericolosa ("Pare che Zard abbia venduto i biglietti al secondary ticketing e vogliono bloccarli. Sono 4 mila a data per Milano, Torino e Roma. Sto presentando l'istanza di dissequestro" gli dice l'avvocato), finché il rapper comincia ad andare in panico.

L'arrivo delle Iene, poi, è la ciliegina sulla torta, con il rapper che subito denuncia la situazione a un (finto) incredulo Viviani il quale subito ha cominciato, anche con l'aiuto di una documentazione fasulla, a incalzarlo: "Mi stai dicendo che ne sei venuto a conoscenza guarda caso ora che siamo venuti da te? Ci sono documenti falsi, e un extra guadagno enorme. Tutti questi soldi chi se li mette in tasca?" chiede il conduttore mentre il rapper si difende anche con un appello ai fan: "Noi non c'entriamo niente. (Ai fan) vi assicuro che in questa cosa non c'entro niente e farò di tutto per dimostrarlo", ma il climax raggiunge l'apice quando la Iena insinua il fatto che Fedez abbia potuto truffare anche J-Ax. È a quel punto che Viviani svela il gioco e Fedez scoppia in un pianto disperato (e liberatorio) che non riesce a contenere: "Siete degli stro**i" urla, mettendoci un po' prima di calmarsi e prenderla a ridere. Sul web sono subito piovuti numerosi i commenti, e oltre a qualche sfottò, in molti sono stati quelli che pur non amandolo hanno dovuto ammettere l'onestà del cantante.