in foto: Gianna Nannini (LaPresse)

Reduce dall'"Hitstory Tour 2016″, definito dal palco di Spello – ultima data – "il più bello della mia vita" Gianna Nannini torna a parlare di Amatrice. La rocker senese, nei giorni successivi al terremoto che il 24 agosto scorso ha sconvolto il centro Italia, aveva parlato su un eventuale evento da organizzare per raccogliere fondi, spiegando che bisognava andare coi piedi di piombo in quei primi giorni e che prima di pensare a qualsiasi evento – lei che è stata una delle fautrici di "Amiche per l'Abruzzo" assieme a Laura Pausini – bisognava pensare a beni di prima necessità da inviare nelle aree colpite.

Il messaggio su Facebook.

E oggi è tornata sull'argomento, continuando sulla linea delle priorità: con un messaggio sulla sua pagina Facebook ha spiegato che c'è un problema che riguarda il mangime per gli animali, "manca la foraggiatura soprattutto per Ovini e Mucche", facendo un invito ai Consorzi Agrari.

Le terre colpite dal terremoto in questo momento hanno bisogno di tante cose, miei buoni conoscenti in loco insistono per sensibilizzare su qualcosa di meno scontato ma di ugualmente prezioso. Mi segnalano che ad Accumoli (epicentro del terromoto del 24 Agosto 2016) e ad Amatrice mancano i mangimi , manca la foraggiatura soprattutto per Ovini e Mucche. Tutta la fornitura che avevano e' sotto le macerie. Ho promesso che avrei fatto un appello attraverso i miei canali: se qualcuno disponesse di foraggio, fieno, cereali e' pregato di contattare Antonio Valentini a questa email helpagricocer@gmail.com (che provvedera' poi a destinarlo alle aziende locali in difficolta') e soprattutto invito i Consorzi Agrari di ogni regione ad intervenire subito. Contribuiamo alla Rinascita e a dare un futuro alla nostra cara terra.

Prima i beni di prima necessità.

Insomma, prima o poi si potrà anche accettare l'invito degli artisti che hanno pensato di mettere su un evento per raccogliere fondi, intanto, però, l'impegno è per cercare di dare sollievo alle popolazioni – e gli animali – colpite cercando di non fargli mancare beni di prima necessità.