in foto: Niccolò Fabi (LaPresse)

Niccolò Fabi torna con ‘Una somma di piccole cose‘ che uscirà il prossimo 22 aprile a 3 anni da ‘Ecco‘, il precedente album in studio da solista e a due da ‘Il padrone della festa‘, il disco scritto a sei mani con Max Gazzè e Daniele Silvestri, vero e proprio caso musicale del 2014, quando i tre conquistarono le vette della classifica e il paese con un lungo tour che andò sovente sold out, fino all'epilogo dei 20 mila che riempirono l'Ippodromo delle Capannelle nell'ambito del Rock in Roma. Quello del cantautore romano è il suo ottavo album, e sicuramente uno dei più attesi, a conferma del ruolo che Fabi ha acquisito, ormai, all'interno del mondo della musica italiana di cui è uno dei più apprezzati esponenti di questi ultimi anni.

La voglia di arrivare all'essenza delle cose.

Su Facebook il cantautore ha postato la copertina di ‘Una somma di piccole cose' – ancora per Universal -, che mostra un paesaggio di campagna con un cielo tra il sereno e il nuvoloso e uno scorcio verde, ben differente da quella del precedente che vedeva lo stesso Fabi in copertina con arco e freccia. Il mood che accompagna l'immagine è '22 Aprile. Un disco una finestra uno specchio un nodo un balsamo….. Una somma di piccole cose' e la presentazione alla stampa spiega che l'album

riassume in maniera precisa le caratteristiche di un percorso umano e musicale sempre personale e anticonvenzionale. Un disco importante in cui il cantautore romano si mette nuovamente in gioco evidenziando la continua ricerca e il desiderio di arrivare all’essenza delle cose.

La cover di 'Una somma di piccole cose', il nuovo album di Niccolò Fabiin foto: La cover di 'Una somma di piccole cose', il nuovo album di Niccolò Fabi

Le tappe del tour: Fabi raddoppia Milano.

Prima di annunciare la data d'uscita dell'album Niccolò Fabi aveva già reso note le prime date del tour che lo avrebbe accompagnato nel giro d'Italia che terrà a partire da maggio e aveva già visto il bisogno di raddoppiare la tappa di Milano del 23 maggio all'Auditorium, aggiungendone un'altra il giorno dopo che si aggiungeva alle altre, sempre organizzate da Barley Arts:  il 18 maggio ad Assisi (Teatro Lyrick), il 21 maggio a Napoli (Teatro Augusteo), il 22 maggio a Roma (Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia), il 23 maggio e 24 maggio a Milano (Auditorium di Milano), il 26 maggio a Bologna (Auditorium Manzoni), il 27 maggio a Torino (Teatro Colosseo), il 30 maggio a Verona (Teatro Romano), il 20 luglio a Rovereto (Campana dei Caduti), il 21 luglio a Fiesole (Teatro Romano), il 23 luglio a Lecce (Anfiteatro Romano), il 25 luglio a Palermo (Teatro di Verdura) e il 29 luglio a Pescara (Arena Teatro D’Annunzio)

Fabi completa il trio con Gazzè e Silvestri.

Nel 2013 fece molto parlare il progetto che avrebbe visto assieme tre dei maggiori esponenti della musica d'autore italiana, amici da tempo, che solo pochi mesi prima, però, avevano deciso di provare un'avventura che annunciarono sarebbe rimasta pressoché unica. Nacque così ‘Il padrone della festa‘ che è, per ora, un capitolo fortunato all'interno di tre carriere soliste che hanno segnato il passo della musica d'autore italiana di questi ultimi anni. Chi più chi meno, chi prima e chi dopo, i tre hanno conquistato un vasto pubblico e sono tornati, quasi in contemporanea, con i tre progetti solisti. Il primo è stato Max Gazzè che è uscito il 30 ottobre scorso con ‘Maximilian' lanciato dal singolo tormentone ‘La vita com'è‘ ed in attesa di riprendere il tour estivo che lo vedrà impegnato in Italia e all'estero. Poi è stata la volta di Daniele Silvestri tornato col singolo ‘Quali alibi' e con l'album ‘Acrobati, uscito il 26 febbraio e volato direttamente primo in classifica la settimana scorsa. Resta solo Fabi a confermare la fortuna solista dei tre e a breve si attendono ulteriori novità sull'album.