C'era una forte amicizia, prima ancora della collaborazione artistica, che legava Nada a Fausto Mesolella, il musicista casertano, noto al grande pubblico anche per aver vinto il Festival di Sanremo con la Piccola Orchestra Avion Travel, morto a causa di un infarto il 30 marzo scorso. Una morte improvvisa che ha lasciato un vuoto enorme nella musica italiana, anche perché Mesolella era un musicista richiestissimo e con diverse collaborazioni in piedi, tra cui quella proprio con Nada e con Ferruccio Spinetti, entrambi presenti ai funerali che si sono tenuti il 31 marzo scorso. I tre, infatti, avrebbero dovuto partire in tour il prossimo 11 aprile con il progetto Nada Trio nato a seguito dell'uscita dell'ultimo album della cantante "La Posa".

Un tour che, ovviamente, non si farà più: "A seguito dell'improvvisa scomparsa di FAUSTO MESOLELLA si comunica che il nuovo tour "LA POSA" del NADA TRIO è stato annullato – si legge in un comunicato stampa ufficiale -. I biglietti acquistati in prevendita saranno rimborsati esclusivamente presso i punti vendita dove è avvenuto l'acquisto". La cantante aveva anche cancellato la propria presenza sul palco dell'Alcatraz, dove l'1 aprile era stata invitata dal cantante Motta per la chiusura del suo tour "La fine dei vent'anni".

Su Facebook Nada aveva ricordato così l'amico scomparso: "Mi rimane difficile pensare che Fausto non c'è più dopo venticinque anni di concerti e di vita insieme. Per me ci sarai sempre, non ti dimenticherò mai". Il trio formato da lei, Mesolella e Spinetti nacque nel 1994, quando i due erano chitarra e contrabbasso degli Avion Travel, appunto, e il loro incontro fu documentato in un album dal titolo “Nada Trio” in cui oltre ad alcuni classici successi di Nada come “Ma che freddo fa”  e  “Amore Disperato”, c'erano anche dei tradizionali della musica popolare italiana, vincendo vari premi come la Targa Tenco e Musicultura.