Marco Mazzoli parla per la prima volta in video dopo la morte di Leone Di Lernia, amico e partner di una vita sin dagli albori dello Zoo di 105. Soltanto due giorni fa, quando il comico e cantante pugliese è tornato a casa dopo l'operazione, Mazzoli e tutta la crew dello Zoo di 105 aveva fatto una diretta video per tranquillizzare sulle sue condizioni ed infine è arrivata la notizia della sua morte. Adesso Mazzoli chiede silenzio e rispetto ai giornalisti che in queste ore hanno chiamato in radio per intervistare il cast dello Zoo

Volevo ringraziare tutti, gli ascoltatori, i giornalisti e i telegiornali che stanno contattando la radio perché lo Zoo rilasci qualche intervista. Onestamente non ci sembra cosa, vi ringraziamo e sappiamo che Leone era un personaggio amato da tanti, che ha rappresentato un'era della radio ed era l'anima di questo programma. Io, sinceramente non me la sento. Lo Zoo non ha bisogno di visibilità anche perché è morto non un collega, ma un amico, un parente, un padre e un nonno. Vi chiedo solo rispetto e di lasciarci tranquilli nel nostro dolore. Sicuramente se Leone fosse qui avrebbe voluto 8mila televisioni come diceva lui, 60mila serate ma purtroppo non c'è più e questa cosa merita solamente il silenzio.

Nei giorni scorsi le condizioni del cantante erano state giudicate gravi proprio dai colleghi del programma radiofonico che avevano annunciato con alcuni post sulla propria pagina Facebook l'operazione addominale a cui si era sottoposto Leone: "Hai 80 anni, ma non hai mai mollato un secondo! Quando andiamo in onda, siamo cane e gatto, ma nella vita reale, ti voglio un bene indescrivibile! Non mollare adesso, nessuna malattia potrà mai sconfiggere il guerriero che c'è in te! Tieni duro vecchiaccio" gli aveva scritto Marco Mazzoli. All'inizio qualcuno aveva pensato ad uno dei soliti scherzi dello Zoo, poi però Leone è apparso in due video successivi all'operazione e in diretta da Barbara D'Urso durante Pomeriggio Cinque. Domenica Leone di Lernia avrebbe dovuto essere ospite di Barbara D'Urso con un collegamento da casa, ma l'intervento non è stato possibile a causa dell'aggravarsi delle sue condizioni.