Sono tantissimi i divi del mondo della musica che hanno voluto rendere l’ultimo omaggio a Chuck Berry attraverso i social network. Quando la notizia della morte del padre del rock and roll è diventata di dominio pubblico, le star ne hanno pianto pubblicamente la morte, condividendo con i propri fan il cordoglio che questa perdita ha inevitabilmente generato. Keith Richards degli Stones ha twittato la sua tristezza, condividendola con la platea dei suoi follower: “Una delle mie più grandi luci se ne è andata”. Gli ha fatto eco Ron Wood: “Mi sento così triste. Con la morte di Chuck Berry finisce un’era. È stato uno dei migliori, e una fonte di ispirazione. Sicuramente un gran personaggio”. Ringo Starr dei Beatles lo ha salutato chiamandolo con l’appellativo “Mr rock and roll”, ma il tributo più lungo, articolato in tre parti, è stato quello di Mick Jagger

Sono così triste per la morte di Chuck Berry. Voglio ringraziarlo per tutta la grande musica che ci ha regalato. Ha illuminato la nostra adolescenza e dato vita al nostro sogno di diventare musicisti e performer. I suoi testi brillavano sopra a quelli degli altri e gettavano una strana luce sul sogno americano. Chuck eri meraviglioso, e la tua musica è scolpita dentro di noi per sempre.

La morte di Chuck Berry.

Il mito del rock and roll si è spento a 90 anni. Il mondo ha pianto ieri la morte di Chuck Berryla morte di Chuck Berry, padre di uno dei generi musicali più ascoltati di sempre. Si è spento nella sua casa a St. Louis, nel Missouri, poco dopo la mezzanotte locale del 18 marzo 2017. La polizia locale ha raccontato di aver risposto a una chiamata di emergenza proveniente dalla sua abitazione. All’arrivo sul posto gli agenti avrebbero trovato Berry privo di sensi. Dopo qualche iniziale segnale di ripresa, i medici hanno dovuto dichiarare l’inutilità dei tentativi di rianimazione. Il decesso è stato dichiarato dopo circa un’ora dall’arrivo dei soccorsi sul posto.