in foto: Jack Black coi Tenacious D (Getty Images)

Aggiornamento: i Tenacious D hanno cancellato i tweet che facevano riferimento alla morte di Black (trovate gli screenshot in basso), sostituendoli con un post che conferma l'hacheraggio: ‘Il nostro account Twitter è stato hackerato. Possiamo assicurarvi che Jack è VIVO e sta BENE e che è stato uno scherzo triste'.

Un tweet dei Tenacious D, la band di Jack BlackKyle Gass aveva annunciato la morte dell'attore di School of Rock mandando nel panico alcuni fan e facendo partire un massiccio fact checking che aveva portato qualcuno a non credere alla notizia. Una notizia che già negli anni scorsi era tornata più volte, diventando quasi un meme, e proprio su questa cosa giocano alcuni messaggi seguiti all'annuncio. Poche ore fa, infatti, dall'account ufficiale della band era apparso il tweet che diceva: ‘Sono triste nell'annunciarvi la morte di Jack Black all'età di 46 anni. Riposa in pace, fratello', seguito da altri due tweet con l'hashtag #RipJackBlack e il secondo che riprendeva il primo: ‘È con enorme dispiacere che devo annunciare la morte di Jack Black avvenuta alle 3.37. La causa della morte non è ancora nota'.

A quel punto, dopo migliaia di risposte e retweet lo stesso account – non si sa chi abbia scritto i messaggi, se l'amico di Black o un hacker – ha voluto fermare subito le voci con un post ironico in cui scriveva che era uno scherzo: ‘Guardate c'è una telecamera' aveva scritto postando l'immagine di una fotocamera. Un semplice scherzo, quindi, da parte di qualcuno che dormiva e si ritroverà migliaia di messaggi appena acceso il cellulare, come scritto in uno dei post successivi

‘La leggenda è ancora viva, va tutto bene, ragazzi, era solo un meme'

Subito, però, alcuni fan avevano postato foto di Black scattate poche ore prima o scritto di saperlo in volo dalla Germania, negando, quindi, la possibilità di una morte impossibile. La notizia è stata subito presa con le pinze anche perché l'attore e cantante era stato vittima di scherzi simili anche in passato: sia nel 2011 che nel 2014, infatti, aveva cominciato a circolare la notizia della sua morte.