in foto: Claudio Baglioni (LaPresse)

Piccolo imprevisto per Claudio Baglioni che, stando alle agenzie, ieri era sul volo Vueling che è stato dirottato da Lampedusa a Malta. Niente di grave per l'aereo spagnolo che proveniva da Roma e che non ha potuto atterrare a causa dalla presenza del traghetto di linea attraccato in porto troppo alto. L'altezza infatti avrebbe causato problemi interferendo con il cuneo di discesa dell'aereo. Il pilota dell'aereo avrebbe comunicato alla Torre di controllo di Lampedusa il problema e quest'ultima avrebbe predisposto il dirottamento su Malta. Alla fine l'aereo è riuscito ad atterrare regolarmente a Lampedusa con un ritardo di circa quattro ore sul previsto.

Sul volo anche la Sindaca di Lampedusa.

Sul velivolo era presente anche la sindaca Giusi Nicolini. Il cantante, come noto, è di casa nell'isola dove ha un'abitazione e dove ha portato anche Gianni Morandi per prepararsi al live che qualche mese fa, dopo dieci date consecutive al Centrale del Tennis al Foro Italico di Roma, hanno portato in giro per l'Italia il loro progetto live Capitani Coraggiosi.

Baglioni e Morandi per "Lampedusa Curri"

E proprio da questa esperienza live di due dei principali cantanti italiani di questi ultimi decenni è nato "Lampedusa Curri", il nuovo appuntamento del trail running italiano nato da una loro idea. Come è noto, infatti, Morandi è da sempre appassionato di corsa, partecipando anche a varie maratone, compresa quella di New York, mentre Baglioni, appunto, è un lampedusano d'adozione e parteciperanno alla corsa con un pettorale su cui ci sarà la loro età:  71 e 65 anni. saranno tre le tappe di cui si comporrà la prova e per adesso sono 150 i runner iscritti, che potranno, tramite un percorso ad hoc, ammirare anche le bellezze dell'isola. La competizione si terrà dal 23 al 26 giugno ed è aperta ai runner ma anche ai semplici camminatori.