in foto: Vasco Rossi durante Modena Park (LaPresse)

È stato uno scambio di complimenti continuo quello intercorso tra Vasco Rossi e il Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, culminato in questi ultimi due giorni prima col ringraziamento pubblico da parte del cantante che ha voluto sottolineare l'importanza del Primo Cittadino per la riuscita del suo Modena Park, il concerto che ha portato 220 mila persone nel Parco Enzo Ferrari, per celebrare i 40 anni di carriera del cantante. E oggi è arrivata anche la proposta del Sindaco di conferire la cittadinanza onoraria al Komandante, originario di Zocca, "per averti sempre più modenese tra i modenesi".

Nonostante le difficoltà per organizzare un evento come quello che si è tenuto l'1 luglio pare che non ci siano stati grossi problemi di organizzazione (a parte qualche ovvio contrattempo dovuto al flusso di gente arrivato nella città emiliana), il 6 luglio Vasco aveva scritto sul suo profilo Facebook

Onore e gloria al Sindaco Rock di Modena GIANCARLO MUZZARELLI e a tutta la sua giunta. Senza il suo impegno, la capacità di assumersi responsabilità, la professionalità dei suoi collaboratori e la complicità della città intera il Record Mondiale di “ Modena Park “ non sarebbe stato possibile !! GRAZIE MODENA ! ..Capitale mondiale del Rock !!

Sul sito del Comune di Modena è apparsa la notizia della richiesta di cittadinanza. Il Sindaco ha scritto una lettera al Consiglio Comunale spiegando il perché di questa richiesta: [Modena Park] “è un evento che resterà a lungo nella storia di Modena e della musica italiana e internazionale, e che segna una tappa bellissima della tua formidabile carriera” ha scritto nella lettera indirizzata alla Presidentessa del Consiglio Comunale Francesca Maletti, sottolineando

come la città in occasione di Modena Park abbia “dato una prova straordinaria di responsabilità e accoglienza” e Vasco Rossi debba andare un ringraziamento speciale per aver scelto Modena “per festeggiare i 40 anni di carriera con  un concerto unico e irripetibile: un evento che è stato al centro dell’attenzione dei media per diverse settimane e che colloca l’artista ancora più profondamente tra le figure di spicco e di riferimento della nostra terra”.