Il ritorno di Fabri Fibra si completa con l'uscita del video del primo singolo "Fenomeno" tratto dal nuovo, omonimo, album di uno dei rapper italiani più importanti di questi ultimi anni. Un "padre" del genere che torna a 2 anni da "Squallor", un album che si arrampicò fino alla certificazione oro, conquistata senza promozione, per una scelta controcorrente. E proprio controcorrente è una delle parole con cui si potrebbe definire la vita artistica del cantante che mentre per il vecchio album esordiva con una critica al genere e qualche dissing, questa volta dissa una porzione più ampia del Paese, quella, appunto, che vuole diventare e fare il "fenomeno".

Un singolo che riprende una vecchia canzone.

Non c'è ancora una data di uscita dell'album, per adesso bisogna accontentarsi del suo nuovo singolo e della promessa di una promozione diversa rispetto alla precedente. Intanto si parte con un pezzo che è stato scritto nel 2003 per il suo vecchio gruppo Uomini di mare e che avrebbe dovuto intitolarsi proprio "Fenomeno", prima di essere cambiato in "La cosa più facile". Oggi Fibra lo ha ripreso ma ne ha modificato quasi completamente la struttura – sia del testo che della base, che porta una firma importante – ma il significato resta quello.

Il video girato da Cosimo Alemà.

Di "Fenomeno" è uscito anche un video girato da Cosimo Alemà che vede il rapper di Senigallia protagonista e che è volato in testa alle tendenze di Youtube, con oltre 700 mila visualizzazioni in un giorno. Il pezzo, come detto, riprende un vecchio brano del cantante, con il testo quasi completamente modificato, ma che sottolinea come le cose in tutti questi anni non siano cambiate granché, e la voglia di fare ed essere "un fenomeno" rimane la stessa anche in questi tempo di web e social network. La nuova versione è stata prodotta dal duo delle meraviglie Ketra e Takagi, il duo di produttori che in questi ultimi anni ha messo la firma su alcuni dei maggiori successi, "Roma-Bangkok" su tutti: "La canzone è un richiamo a quel primo periodo in cui scrivevo in provincia – spiega Fibra nel video postato sulla sua pagina Facebook– ma soprattutto è un'autocitazione a questo concetto del fenomeno, perché questo pezzo è del 2002-2003, ma oggi è molto più attuale, perché siamo tutti fenomeni, quindi ci sono molte altre cose da dire".