La seconda tranche del tour europeo di Gianna Nannini è ricominciato così come era finito, ovvero con altri sold out raggiunti non nei piccoli club delle capitali europee ma in luoghi storici della musica mondiale, di quelli, insomma, che hanno fatto la Storia della Musica. Gianna Nannini, infatti, può vantare un tutto esaurito all'Olympia di Parigi. Nonostante le difficoltà che accompagnano da sempre i nostri musicisti all'estero, soprattutto in ambito rock, la Nannini è riuscita negli anni a costruirsi un solido seguito anche fuori dai nostri confini, come questo tour sta confermando, con buoni risultati soprattutto in Germania, dove è un vero e proprio idolo e dove, infatti, sta passando la maggior parte di questo tour.

Evidentemente, però, anche Parigi è affezionata alla cantante che sabato sera si è esibita davanti a oltre 2000 spettatori a cui ha offerto alcuni dei suoi maggiori successi, ovviamente, senza però rinunciare anche a un piccolo omaggio. La cantante senese, infatti, amante da sempre della musica d'Oltralpe, ha cantato anche "Le Deserteur", un pezzo in francese di Sergie Reggiani. Tra il pubblico, fa sapere l'organizzazione, erano presenti anche il Console d'Italia, il Principe Emanuele Filiberto di Savoia con la moglie e la figlia e Luc Plamondon, coautore insieme a Riccardo Cocciante dell'opera Notre Dame de Paris, e assieme al quale la cantante ha progettato di incidere i brani più significativi della sua carriera in inglese e francese.

Il tour proseguirà a Bucarest e Sofia, prima di fermarsi e riprendere con le ultime date in Germania, Svizzera e Austria. nei giorni scorsi, inoltre, la cantante ha annunciato l'uscita del suo nuovo album di inediti, che sarà pubblicato il 27 ottobre, seguito da tre concerti che la Nannini terrà a Roma (2 dicembre – Palalottomatica), Milano (4 dicembre – Mediolanum Forum) e Firenze (6 dicembre – Nelson Mandela Forum).