Si sono svolti sabato scorso, in forma privata, i funerali di Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park suicidatosi il 20 luglio scorso nella sua stanza da letto. Come avevano scritto alcuni giornali americani, infatti, la famiglia aveva optato per una funzione privata a cui hanno partecipato circa 200 persone, muniti di braccialetto e di una sorta di pass su cui campeggiava la foto di Bennington attorniato dal pubblico, quella che la band ha scelto per ricordarlo sui loro social. Al funerale hanno partecipato familiari e amici e come riporta TMZ, che per primo ha dato la notizia della scelta di una funzione privata, molti degli invitati erano musicisti che avevano suonato o erano stati in tour coi Linkin Park e al South Coast Botanic Garden, dove si sono riuniti per ricordarlo, c'era anche un palco, con tanto di batteria, per chiunque avesse voluto rendergli un omaggio musicale. Tra gli ospiti era presente anche il rapper Blackstar che su Twitter, postando il pass, ha scritto: "Bella cerimonia, un piccolo pezzo di te è e sarà in ogni canzone che canterò sul palco".

Il ricordo della moglie.

Nella nottata (italiana) tra domenica e lunedì, poi, la moglie di Bennington, Talinda, è tornata sui social per ricordare il marito, dopo che nei giorni scorsi aveva scritto un messaggio emozionante. Questa volta ha preferito postare una foto che li ritraeva nel momento immediatamente precedente a un bacio: "Darei la mia vita per tornare a questo momento. Ero così nervosa di doverti baciare di fronte alla macchina fotografica, ma Chester mi ha detto ‘Questi siamo semplicemente noi' e mi ha baciata". Qualche giorno fa, la donna aveva scritto che "Adesso finalmente non proverà più dolore e canterà le sue canzoni nei nostri cuori".

Il ricordo dei fan.

I fan di tutto il mondo, comunque, nei giorni scorsi hanno comunque deciso di rendere omaggio al cantante, organizzando numerosi eventi per ricordare il cantante di una delle band che ha dato una forte spinta al cosiddetto nu-metal, grazie ad album come "Hybrid Theory" o "Meteora" (tutti gli album della band sono tornati in classifica in vari Paesi del mondo, compresa l'Italia dove dei 4 in top 20 due sono entrati tra i primi dieci).