in foto: Dolores 'O Riordan (Getty Images)

Dolores O’Riordan, Andy Rourke e Olé Koretsky avevano progettato un tour per il progetto che li vede assieme col nome di  D.A.R.K.. Un acronimo che mette assieme musicisti molto noti grazie a progetti che hanno segnato la Storia della musica britannica in questi ultimi decenni. Dolores O'Riordan, infatti, come tutti sanno è la voce dei Cranberries, band irlandese simbolo degli anni '90, con oltre 40 milioni di album venduti e successi come "Zombie", "Linger", "Ode To My Family" e "Animal Instinct". Andy Rourke, invece, è stato il bassista di una delle band più importanti della Storia della musica inglese, ovvero i The Smiths di Morrissey e Johnny Marr: band che non ha bisogno di molte presentazioni e che con un pugno di canzoni hanno scritto il proprio nome nella Storia, anche grazie al magnetismo del suo leader, mentre Olé Koretsky, cantautore, produttore e DJ di New York.

Oggi, però, Live Nation, società organizzatrice del tour ha annunciato che le date sono state cancellate, compresa quella italiana del 23 settembre prevista al Tunnel di Milano, a causa di un'indisposizione della cantante irlandese. In un comunicato ufficiale i tre hanno scritto

Siamo davvero dispiaciuti di cancellare il tour. Purtroppo Dolores ha subito un infortunio alla schiena. La risonanza magnetica ha confermato la presenza di una ‘protrusione discale’, che provoca un fortissimo dolore. Motivo per il quale Dolores non è stata in grado di mantenere diversi impegni nelle ultime due settimane. Speravamo con tutto il cuore che con terapia e riposo si riprendesse in tempo per il tour, ma purtroppo non è successo, e i dottori le hanno consigliato riposo totale per almeno un altro mese, per far sì che le sue condizioni non diventino più serie. Ci scusiamo per il disagio causato, ma è davvero impossibile intraprendere un tour in questo momento.

Tra pochi giorni sarà pubblicato l'album "Science Agrees" per Cooking Vinyl, un lavoro che mescola rock ed elettronica con le influenze dichiarate di Angelo Badalamenti (‘The Moon’), The Cure, Depeche Mode, David Bowie, New Order, Pet Shop Boys e REM.