Era il 1997 quando sul mercato discografico italiano uscì il primo album di Niccolò Fabi, "Il giardiniere", che aveva già al suo interno pezzi che sarebbero diventati veri e proprio classici nel curriculum artistico del cantante romano e non solo: "Capelli" e "Dica", per dirne due, infatti, sono canzone che chiunque ami o frequenti un po' la musica italiana conosce a memoria. Vent'anni sono una cifra tonda giusta per festeggiare una carriera che difficilmente ha trovato colpi d'arresto, anzi, in questi ultimi anni è decollata sempre di più, con formule diverse, dal "Ecco", l'album del 2012, a "La voce del padrone", ovvero il lavoro fatto in trio assieme a Max Gazzè e Daniele Silvestri, tre autori accomunato dalla loro propensione per il pop di qualità, in grado di andare in testa alle classifiche di vendita e girare l'Italia pr un anno di sold out, culminato nei 20 mila di Capannelle, fino a "Una somma di piccole cose", l'album del 2016 che, marcando sempre più le influenze del folk americano, ha riportato il cantante, questa volta da solista, in cima alla classifica (e dandogli il secondo Tenco per “Miglior Disco in Assoluto”).

"Che festa sia"

E per festeggiare con il suo pubblico questo traguardo, Fabi ha deciso di tornare in tour la prossima estate, partendo il 28 giugno da Carpi e chiudendo il 26 novembre con quello che si annuncia già un concerto evento al Palalottomatica di Roma

Pur sfuggendo per quanto posso alla dittatura moderna dei numeri volevo avvertirvi che sto per capitolare di fronte ai festeggiamenti per il ventennale. Dopo quindici anni di canzoni private il mio primo disco "il giardiniere" veniva pubblicato nel 1997, venti anni fa per l'appunto. Ho sempre dribblato come potevo appendimenti di medaglie et similaria perchè li ho sempre masochisticamente considerati un ostacolo al miglioramento. Ma da uomo oramai di mezza età sto imparando ad abbandonarmi al godimento. E quindi che festa sia. Festa perché questa scadenza arriva nel momento più fortunato e felice del mio percorso. Festa perché ci ho messo venti anni a portare la mia barca nel mio mare ma al fin ci sono riuscito. Ma soprattutto festa perché di questi tempi il sogno di un musicista adolescente che sperava di vivere della propria musica e a quasi cinquantanni può dire di avercela fatta è una storia che va raccontata, una fortuna e un privilegio di cui sono consapevole e che vanno sottolineati.

L'album "Diventi Inventi 1997-2017"

La chiusura, sarà, quindi, nel "posto simbolo di tutti i concerti più importanti a cui ho assistito nella mia vita" ma prima ci sarà l'uscita di un cofanetto, “DIVENTI INVENTI 1997-2017”, ovvero un progetto-racconto con cui il cantante celebrerà i suoi 20 anni di carriera:

Ci sarà quindi un tour estivo di cui qui sotto troverete le prime date che si concluderà a novembre con un festone nella mia città. Il luogo è sicuramente roboante e sovradimensionato per me: il PalaLottomatica, ma come romano volente o nolente è il posto simbolo di tutti i concerti più importanti a cui ho assistito nella mia vita. Diventi inventi è anche il racconto di quello che un musico puó diventare continuando a inventare per ventanni, il tentativo ostinato di cercare di piacersi. Dopo l'estate uscirà dunque una qualche forma di contenitore con al suo interno il mio "canzoniere". Una raccolta inevitabilmente un po' antologica ma mi auguro sfiziosa di ció che il cantautoreFabi e la sua creatività riuscirono a fare a cavallo tra il secondo e il terzo millennio. Spero davvero vorrete partecipare ai festeggiamenti. Solo per l'occasione saranno accettate lucette a forma di cuoricino e fascette iconografiche. Bene. Fine del pippoto. Baciovi.

Tutte le date del tour.

Le tappe del tour estivo, quindi, partiranno il 28 giugno nella piazza dei Martiri di Carpi (MO) all’interno del Carpi Summer Festival, per proseguire il 30 giugno a Castel Sant'Elmo di Napoli, il 6 luglio al Carroponte di Sesto San Giovanni (Milano), il 7 luglio al Castello Scaligero di Villafranca (VR), l’8 luglio nella Piazzetta reale di Torino per il Festival d'estate, il 13 luglio in Piazza Duomo a Pistoia per il Pistoia Blues, protagonista della quinta edizione della Notte Rossa (la manifestazione organizzata da Pistoia Blues ed Avis Pistoia), il 22 luglio all’Anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera (BS) per il Festival tener-A-Mente, il 6 agosto all’Anfiteatro Falcone Borsellino di Zafferana Etnea (CT), il 12 agosto al Locus Festival di Locorotondo (BA), il 26 agosto allo Sferisterio di Macerata. I festeggiamenti si chiuderanno il 26 novembre con un concerto unico al Palalottomatica di Roma.